fbpx
facebook twitter rss

Il Covid non spegne
la Cavalcata dell’Assunta, il corteo
si farà nel segno della ‘luce’ (Foto e Video)

FERMO - Quest'anno la luce del Corteo processionale del 14 agosto attraverserà il centro della città in una veste nuova e sommessa per rispettare il periodo che viviamo. Anche nel 2020, dunque, la Cavalcata dell'Assunta ci sarà, come c'è sempre stata, con un rinnovato spirito di speranza e devozione
Print Friendly, PDF & Email
Le interviste al vicepresidente Monteriù e al regista Leoni

di Simone Corazza (foto Simone Corazza)

“In questo anno complicato la Cavalcata dell’Assunta poteva gettare la spugna invece non l’ha fatto, ha voluto dare un segno di speranza alla città tutta. Quest’anno la luce del Corteo processionale del 14 agosto attraverserà il centro della città in una veste nuova e sommessa per rispettare il periodo che viviamo. Anche nel 2020, dunque, la Cavalcata dell’Assunta ci sarà, come c’è sempre stata, con un rinnovato spirito di speranza e devozione”. Queste le parole del vice presidente Andrea Monteriù.

Il sindaco Paolo Calcinaro, che riveste anche la carica di presidente della Cavalcata, scosso dalla scomparsa di Saverio Sbrolla, ha voluto ringraziare tutto il consiglio di cernita, le contrade, il regista per l’enorme lavoro fatto in questi mesi di criticità e per essere riusciti nonostante tutto a realizzare almeno il corteo processionale del 14 agosto. Il regista Adolfo Leoni ha voluto rimarcare come quest’anno in particolar modo la Cavalcata dell’Assunta torni alle radici rappresentando in pieno la storicità della manifestazione anche perché è l’unica rievocazione che si basa su fonti storiche reali. Quest’anno non saranno portati i doni alla Madonna dell’Assunta ma saranno portati ceri, e qui forte il senso della “luce”, e sarà donato un cero alla Madonna del Pianto come segno di ringraziamento. Il percorso della sfilata sarà allungato e diverso dal solito: si partirà da Porta Santa Lucia, attraverso corso Cavour e parte di Corso Cefalonia si raggiungerà la chiesa di San Francesco, da qui si risalirà verso San Domenico fino ad arrivare al Duomo dove si svolgeranno due momenti: l’Investitura dei Priori e la consegna dei ceri da parte delle contrade. Lungo il percorso ci saranno dame affacciate alle finestre dei palazzi nobiliari, fiaccole, portoni aperti. Non si transiterà per la piazza per non rischiare assembramenti ma si cercherà di far defluire il pubblico lungo l’intero percorso anche grazie alla collaborazione dei tanti contradaioli.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X