facebook twitter rss

Futsal Cobà, a Lucrezia
un pari che sa di beffa

SERIE A2 - Sangiorgesi avanti 4-1 al termine del primo tempo, raggiunti dai Bulldog locali in coda alla ripresa per il definitivo 4-4. Un pareggio che riporta la mente al 3-3 maturato nel derby tra corregionali dell'andata
Print Friendly, PDF & Email

Un frame della sfida di Lucrezia

LUCREZIA (PU) – In una gara simile a quella dell’andata, pareggiata per 3-3, gli Sharks anche quest’oggi hanno impattato per 4-4 il derby di Lucrezia con i Bulldogs dopo essere stati in vantaggio all’intervallo sul confortante 1-4. Un passivo, quello del secondo tempo, che lascia l’amaro in bocca.

L’inizio della gara vede gli uomini di mister Leonardo Campifioriti un po’ a disagio sul particolare e stretto terreno di gioco del Lucrezia, ma con il passare dei minuti riescono poi a smorzare le folate locali. Bernardez con grande classe porta in vantaggio i sangiorgesi al culmine di una bella combinazione, ma subito dopo i Bulldog pareggiano su azione concitata da corner con ultima deviazione nella propria porta probabilmente di Sgolastra.

Nessun problema perché il nuovo acquisto argentino Persec batte il connazionale Corvatta e riporta i suoi sul 2 a 1 a stretto giro di posta. Qui il Lucrezia, che ha sempre mantenuto una grande vitalità, non riesce però ad arginare la classe della squadra sangiorgese e subisce ancora le reti di Persec (stupendo rasoterra in giravolta da “delantero” di razza) e di Borsato, che sfrutta una distrazione, forse l’unica, dei gialloblù.

Tuttavia il 4 a 1 con cui finisce il primo tempo pare rassicurante per il Cobà, tanto più che tutti i suoi elementi hanno girato a dovere. Anche ad inizio ripresa, perlomeno nei primi tre minuti, tutto fa pensare ai tre punti ormai in tasca, ma piano piano la squadra si spegne come una candela.

Gli uomini di Renzoni fanno presto ad accorgersene e spingono come forsennati, con Girardi Neto che sale in cattedra. Delpizzo compie due interventi difensivi prodigiosi, ma il Cobà non riparte più. Quando ha la palla il portiere Fiuza, la scaraventa ripetutamente dal collega ma non per sua colpa, bensì per mancanza di alternative. Succede così che l’argentino Moragas, Gonzalez e poi ancora Moragas concretizzino tutto l’impeto locale e a un minuto e venti dal termine sia è sull’incredibile 4-4. Due colossali occasioni locali e una ospite con Manfroi chiudono la gara.

Il pareggio è dunque giusto: il Lucrezia non è stato solo impeto ma anche pragmatismo. Il Cobà finché non si è spento il motore ha fatto vedere ottime cose. Parlando degli uomini di Campifioriti, si è visto nella ripresa come il campionato giocato forzatamente in modo discontinuo possa portare a crolli repentini di condizione psicofisica. L’unica medicina al cso è il lavoro e mantenere il gruppo coeso. La classe c’è e i tempi migliori verranno di certo.

 

Fotogallery


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti