facebook twitter rss

Videx formato trasferta,
piegato anche il Tuscania

SERIE A3 - In casa della Maury's Com Cavi la compagine di coach Ortenzi ribalta l'esito del match d'andata imponendo ai locali un perentorio 0-3. Consolidato con merito il primato di classifica
Print Friendly, PDF & Email

MONTEFIASCONE (VT) – Serviva la partita perfetta e così è stato. La banda di coach Ortenzi rinforza il primato in classifica dopo un match avvincente, entusiasmante e senza esclusione di colpi.

Coach Tofoli schiera Marsili e Boswinkel in diagonale, De Paola e Gradi laterali, Cioffi-Ceccobello la coppia di centrali e Pace libero. Nessuna sorpresa nel sestetto di coach Ortenzi: Marchiani-Calarco in diagonale, Vecchi e Starace in attacco, Romagnoli e Cubito al centro e Romiti a governo della difesa.

IL TABELLINO

MAURY’S COM CAVI TUSCANIA 0: Stamegna ne, Zibella (L2) ne, Marsili 2, Pace (L1), Menichetti, De Paola 11, Gradi 9, Boswinkel 17, Catinelli, Skuodis, Cioffi 4, Ragoni ne, Ceccobello 8. All. Tofoli

VIDEX GROTTAZZOLINA 3: Perini ne, Romagnoli 8, Cubito 10, Vecchi 11, Calarco 15, Pison ne, Reyes 1, Di Bonaventura, Viciedo ne, Starace 11, Gaspari ne, Brandi (L2) ne, Marchiani 3, Romiti (L1). All. Ortenzi

PARZIALI: 22-25 (30’), 24-26 (33’), 23-25 (28’)

ARBITRI: Cruccolini e Merli

LA CRONACA

Avvio di gara in equilibrio con Starace che fa e disfà dai nove metri (5-6). Gira bene la Videx sull’asse Marchiani-Romagnoli che costruiscono il doppio vantaggio, presto vanificato da Boswinkel (9 pari). I grottesi spingono al servizio ma i padroni di casa infilano un break di quattro punti grazie a capitan De Paola che costringe coach Ortenzi al primo time-out del match (13-10). Al rientro in campo arriva la pronta risposta della Videx che prima riacciuffa il pari con l’ace di Calarco e poi mette la testa avanti con la gran botta di Starace (13-14). Un Calarco particolarmente ispirato gioca prima col muro tuscanese e poi colpisce in pallonetto, precedendo l’ace di Cubito che propizia il +3 e costringe coach Tofoli a sospendere il gioco (16-19). Tuscania prova la risalita ma Calarco buca il muro avversario prima della sferzata di Boswinkel (19-21). L’errore dai nove metri dei padroni di casa è ossigeno puro perché Starace rincara la dose e trova il +3 (20-23). Nel finale è ancora decisiva la poca precisione al servizio dei ragazzi di coach Tofoli che concedono la prima di tre setball alla Videx per poi cedere il parziale sulla palla out di capitan De Paola (22-25).

Nel secondo set Cioffi e Gradi rispondono a Marchiani e Cubito (5-5). E’ ancora il centrale grottese a dar manforte a Starace trovando il doppio vantaggio, ribadito poi dal pallonetto di Vecchi (6-8). Ceccobello ripristina la parità ma Calarco riporta in vantaggio i suoi (9-10). Tuscania non demorde e con un colpo di reni trova il +2: ace di De Paola e 13-11. Marsili, con un colpo da maestro, tiene la Videx a distanza ma l’invasione di Boswinkel rimette tutto in discussione (15 pari). Calarco trasforma in oro un pallone complicato, De Paola risponde a Starace ma i grottesi tornano avanti grazie al videocheck che fotografa un fallo di invasione dei padroni di casa (19-20). Il finale di set è una battaglia serrata che vede protagonisti Marsili e Vecchi: gran giocata difensiva del regista tuscanese che propizia il momentaneo pareggio ed intervalla una doppia giocata del capitano grottese che beffa il muro avversario ed appoggia dolcemente a terra la palla del 23-24. Boswinkel prolunga il parziale ai vantaggi ma il bolide di Calarco ed il successivo muro vincente di Starace ai danni dell’opposto olandese chiudono il set sul 24-26.

Nel terzo parziale Grottazzolina conferma la compattezza e l’attenzione fin qui mostrate e continua a condurre il gioco con il primo tempo vincente di Cubito (4-5). Marsili va a segno dai nove metri ma il solito Calarco colpisce prima dell’ace di Marchiani che ribalta il punteggio (7-8). Boswinkel alza i giri del motore e mette in difficoltà a più riprese il muro di Grottazzolina (12-10). I padroni di casa gettano presto alle ortiche il vantaggio con gli errori dello stesso Boswinkel e De Paola, cedono il passo agli ospiti e spingono coach Tofoli a fermare il gioco (12-13). La gara si gioca sul filo del rasoio ma la Videx ne ha di più ed approfitta di un regalo della dea bendata quando Reyes, con la complicità del nastro, trova l’ace che vale il 13-15. Romagnoli infila due segnature consecutive mentre Vecchi chiude un break da tre punti che fa volare i suoi a +5 (16-21). Tuscania non molla, si rifà sotto con un gran diagonale di De Paola e riapre tutto con l’ace di Boswinkel (22-23). Ci pensa Cubito, con l’ennesimo pallone al bacio servito da Marchiani, a chiudere il match sul 23-25 che vale la terza vittoria consecutiva in campionato.

LE DICHIARAZIONI

Un 3-0 senza appello dunque, a coronamento di una prestazione di spessore contro una diretta concorrente alla testa del girone.

Un segnale importante, prova di un cambio di passo che avvicina la Videx a quel livello di gioco tanto ricercato da Massimiliano Ortenzi (foto) e sul quale proprio il coach grottese sta insistendo molto sin dall’inizio di stagione.

I ragazzi sono stati bravi ad interpretare al meglio i vari momenti della gara, sapendo soffrire quando la gara lo richiedeva ma senza perdere mai la giusta lucidità – ha dichiarato proprio il timoniere della Videx nel post gara di domenica -. Sapevamo bene cosa bisognava fare per vincere ed abbiamo dimostrato grande attenzione per tutto l’arco della partita, penso che il grande pregio dei ragazzi sia stato proprio questo”.

Una rivincita dopo lo scivolone dello scorso 30 dicembre. Proprio dal match di andata infatti Vecchi e compagni hanno saputo cogliere i giusti insegnamenti, mettendo in pratica ciò che era mancato proprio al PalaGrotta: “All’andata eravamo stati troppo fallosi in attacco e avevamo faticato in alcune situazioni di muro-difesa. Questa volta invece abbiamo gestito al meglio i palloni più difficili e mostrato grande intelligenza in fase di contrattacco – ha proseguito Ortenzi -. Specialmente a muro i ragazzi hanno offerto una prestazione notevole, i nostri centrali hanno toccato tantissimi palloni e penso che la differenza sia tutta lì. Quando si gioca punto a punto, recuperare qualche pallone in più in difesa e gestire bene la gara in fase di attacco sono degli aspetti fondamentali per portare a casa il risultato”.

Un passo in avanti che sposta il focus su ciò che ancora può e deve essere migliorato per puntare davvero al top: “Nel complesso credo che la squadra, quando scende in campo con attenzione, sappia esprimersi su un buon livello. Abbiamo un regista come Marchiani che ha saputo far girare molto bene la squadra, sfruttando al meglio il lavoro dei centrali – ha concluso il coach -. In fase di contrattacco creiamo tantissime opportunità ma ne concretizziamo ancora troppo poche. E’ qui che dobbiamo fare degli ulteriori passi in avanti”.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti