facebook twitter rss

Febi e Remoli ospiti a Zoom: riflettori accesi sulle Commissioni consiliari (Video)

ZOOM - Ospiti ieri sera di Sandro Renzi a Zoom i presidente della prima e terza Commissione consiliare del Comune di Fermo, Savino Febi e Silvia Remoli. Riflettori accesi su diversi argomenti: dal bilancio alla Tari, dal turismo allo sport, ai servizi sociali.
Print Friendly, PDF & Email
Silvia Remoli e Savino Febi ai microfoni di Radio FM1

Nuovo appuntamento ieri sera con Zoom, programma di approfondimento politico e non solo, di Rf1 e Cronache Fermane. Ai microfoni i presidenti di due Commissioni consiliari del Comune di Fermo, Silvia Remoli e Savino Febi, intervistati da Sandro Renzi. Occasione per fare il punto sull’attività amministrativa del capoluogo e nello specifico su alcuni temi trattati dalla prima e dalla terza Commissione. Nella prima parte del programma spazio al bilancio con il presidente Savino Febi che dopo un breve excursus sul consuntivo approvato a dicembre si è soffermato sulla Tari. «Obiettivo del Comune è stato ed è quello di mantenere le tariffe pressochè invariate. Lo abbiamo fatto negli anni passati riuscendo in qualche caso anche a garantire qualche piccola riduzione grazie alle economie, venendo incontro alle esigenze di alcune fasce della popolazione, alle famiglie economicamente più disagiate o a quelle che hanno figli all’università, solo per fare un esempio» ha detto Febi. Quest’anno però la tariffa deve tenere conto dei nuovi criteri imposti dall’autorità che “governa” il settore. «Per tale motivo abbiamo previsto un aumento nell’ordine dell’1% per dare seguito a tali direttive nell’ottica che quello della raccolta e smaltimento dei rifiuti è un servizio che deve essere integralmente coperto attraverso la tariffa» ha ricordato anche Febi.

Intanto la Commissione comincia già a lavorare in ottica 2023. Entro sei mesi si dovrà approvare il bilancio di previsione corredato dal piano triennale delle opere pubbliche. «Quello che andremo a realizzare sotto questo profilo è già largamente previsto dal piano, non è detto che non vi siano modifiche, ma per l’Amministrazione è fondamentale continuare quello che si sta attuando, completare quindi Fonte Vecchia o la riqualificazione del Mercato Coperto, per citare alcuni lavori» spiega ancora il presidente della prima Commissione. Riflettori accesi inoltre sulla capacità dell’Amministrazione Calcinaro di intercettare fondi e partecipare a bandi europei. «Anche il Pnrr è una opportunità -rimarca Febi- per il territorio e le Amministrazioni comunali, occorre tuttavia inserirsi secondo i criteri dettati per godere di queste nuove occasioni di sviluppo orientate sia alle persone che ai lavori pubblici. Dobbiamo cogliere queste opportunità: il mio sogno sarebbe vedere la creazione di nuovi posti di lavoro per tanti giovani che altrimenti sono costretti a prendere la valigia e lasciare la propria terra per trasferirsi altrove».

Con Silvia Remoli, presidente della terza Commissione, quella che si occupa di turismo, commercio, politiche sociali e giovanili, cultura, sport e sicurezza l’attenzione è stata rivolta in particolare alla “rinascita” di Fermo dopo due anni segnati dalla pandemia. Gli eventi in programma per l’estate saranno pubblicizzati a breve. Remoli ha confermato l’ottimo lavoro svolto dalla Commissione che presiede e lo spirito collaborativo della minoranza sottolineando che si sta facendo molto per recuperare il tempo perso. «Uno degli obiettivi più importanti è stato senz’altro il riconoscimento del valore culturale, sociale e civico della Cavalcata dell’Assunta approvato all’unanimità dalla Commissione» ha ricordato la Remoli. A dimostrazione che si punta tantissimo su questa manifestazione e sulle opportunità ad essa legate tanto sul fronte turistico quanto su quello commerciale. Non è un caso che gli appuntamenti ad esso collegati tendano verso una “destagionalizzazione” che proietta la Cavalcata oltre i canonici mesi estivi. «E’ un po’ quello che accade, in piccolo, ad esempio con il Jova beach party, un evento che richiama poi l’attenzione su Fermo almeno una settimana prima e qualche giorno dopo». E quando si parla di turismo non si può non parlare di sport. La Commissione sta lavorando ad un “passaporto sportivo per eccellenze fermane” anche se la Remoli non si sbottona più di tanto sul progetto limitandosi a dire che la città «ha la fortuna di avere tante associazioni e tanti impianti, ci serviamo di professionisti e di realtà conosciute ed apprezzate ovunque. E’ anche nostra intenzione quella di effettuare una mappatura delle aree attrezzate per fare sport nel territorio». Due eventi trascorsi, ovvero Tipicità e Bit, sono stati invece una vetrina fondamentale per far conoscere la città e le sue bellezze. Infine il sociale. «Dopo due anni di pandemia, gli aiuti concessi a chi ne aveva bisogno, privati e categorie produttive, l’attenzione resta alta per non lasciare indietro nessuno. Ed ora ci si sta occupando anche dell’emergenza umanitaria in Ucraina ha concluso Silvia Remoli».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti