facebook twitter rss

Violinisti da tutto il mondo per il Concorso “Postacchini”: clou il 27 maggio

FERMO - Tra le novità: il primo cileno a partecipare, la serata conclusiva presentata da Sara Zambotti di RadioDue Rai, con ospite Luca Alessandrini, vincitore dell’International Student Award
martedì 9 maggio 2017 - Ore 16:53
Print Friendly, PDF & Email

di Alessandro Giacopetti

Da sabato 20 a sabato 27 maggio al teatro dell’Aquila di Fermo torna il Concorso Violinistico Internazionale Andrea Postacchini, organizzato dalla associazione Antiqua Marca Firmana e presentato oggi nella sala conferenze della Cassa di Risparmio di Fermo, che sostiene l’iniziativa culturale.
Assente, perché costretto in ospedale a causa una operazione, il presidente dell’associazione, conte Giulio Vinci Gigliucci, la XXIV edizione del premio è stata introdotta dal direttore artistico, Maestro Domenico Cipriani, e da Emanuela Sabbatini, che si occupa della comunicazione. 130 violinisti da 36 nazioni alcune delle quali extraeuropee, suddivisi in 4 categorie (A, B, C, D) che verranno valutati da una giuria di livello composta da nomi di prestigio. A presiederla l’austriaco Boris Kuschnir.

Dopo aver ricordato che le prime edizioni si sono svolte nel palazzo della Carifermo, il padrone di casa Alberto Palma, presidente Carifermo spa ha detto: “Vogliamo continuare a sostenerla perché abbiamo visto sia il riscontro positivo da parte della città sia la serietà e oculatezza della gestione che non fa sprecare nulla”.
“Noi abbiamo avuto un brusco stop, dovuto al sisma, nel processo di apertura al mondo – è il pensiero del sindaco Paolo Calcinaro – e non è facile far tornare qui le persone e il turismo. Quindi l’assoluta eccellenza musicale del Concorso Violinistico Postacchini lo rende ancora più importante in questo periodo all’interno dell’offerta culturale cittadina”.
“Gli incontri nelle scuole che il Postacchini realizza suscita agli studenti interesse nella musica – ha aggiunto Francesco Trasatti, assessore alla Cultura – e questa è una linea della nostra amministrazione. Ad esempio abbiamo aperto l’opera e la lirica alle scuole, o con la stagione concertistica della Gioventù Musicale che ha ospitato nel programma il vincitore della scorsa edizione del Concorso. La sfida di quest’anno è riagguantare un finanziamento ministeriale, la cui programmazione avviene per trienni, perché reputo giusto che il Ministero oltre al patrocinio, intervenga nel sostegno all’iniziativa, assieme agli altri partner già presenti come Carifermo, Camera di Commercio e Solgas”.
“Se esistesse un linguaggio nell’universo sarebbe la musica – ha esordito nel suo intervento Graziano di Battista, presidente Camera di Commercio, secondo cui – questo è un momento molto importante perché da tutto il mondo arrivano i geni del violino che, quando gli viene data la parola, sottolineano la bellezza del territorio. Perciò è un punto di ripartenza fondamentale in questo momento nel Fermano dove risiede il distretto della moda tra scarpe e cappelli che rappresentano la bellezza. Con il Concorso Postacchini proiettiamo la nostra immagine nel mondo”.

Il momento più importante sarà sabato 27 maggio alle ore 21 con la cerimonia di premiazione e i concerti dei vincitori delle varie categorie, il più importante dei quali sarà accompagnato dalla Orchestra Filarmonica Marchigiana (FORM). Verrà rinnovato anche l’appuntamento con la tradizione della liuteria attraverso la partecipazione di Giuseppe Bifulco, famoso liutaio fiorentino, che allestirà una mostra di violini al teatro dell’Aquila, uno dei quali sarà consegnato al vincitore del Concorso proprio nella serata di sabato. Importante anche il dialogo stabilito da tempo con gli studenti delle scuole del Fermano che possono avere momenti di scambio con i partecipanti alla manifestazione.

Al termine della conferenza stampa è stato il sindaco Paolo Calcinaro ad estrarre a sorte, come da tradizione, la lettera dalla quale inizieranno le audizioni. Quest’anno è stata estratta la “D”.
Tra le novità del Concorso Violinistico Internazionale “Andrea Postacchini” 2017, rivelate da Domenico Cipriani e Emanuela Sabbatini: la prima partecipazione per un ragazzo cileno; una bambina di 10 anni è la più giovane tra i candidati; la FORM sarà diretta dal maestro Michele Nitti; la serata di sabato 27 maggio sarà presentata da Sara Zambotti, voce di RadioDue Rai; nella stessa serata finale ci sarà l’ingegnere urbinate Luca Alessandrini, vincitore dell’International Student Award 2016 per la realizzazione di un violino con resina e seta di ragno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X