facebook twitter rss

Scuola-lavoro:
il liceo Carlo Urbani approfondisce la conoscenza dell’energia alternativa

PORTO SANT'ELPIDIO - L'uscita didattica è stata decisa come momento finale di un percorso sulle fonti di energia rinnovabili e sull’etica del rispetto ambientale affrontato dai docenti del liceo da varie angolazioni durante il corso dell’anno scolastico.
sabato 13 maggio 2017 - Ore 15:59
Print Friendly, PDF & Email

Gli studenti del liceo Carlo Urbani di Porto Sant’Elpidio in visita alla Western Co.

 

Nella mattinata di ieri, venerdì 12 maggio, le classi terze e quarte del liceo scientifico Carlo Urbani di Porto Sant’Elpidio si sono recate in visita alla Western Co. di San Benedetto del Tronto, azienda che si occupa di elettronica industriale, costruzione di circuiti elettronici, progettazione e produzione di sistemi per energia solare fotovoltaica.

 

L’uscita didattica è stata decisa come momento finale di un percorso sulle fonti di energia rinnovabili e sull’etica del rispetto ambientale affrontato dai docenti del liceo da varie angolazioni durante il corso dell’anno scolastico. Uscita conciliate anche con il percorso di alternanza scuola-lavoro.

 

L’ingegnere Simone Barbabella ha illustrato a livello teorico, sia dal punto di vista chimico che fisico, le procedure di produzione delle celle fotovoltaiche e ha mostrato alcune delle realizzazioni dell’azienda non solo in Italia ma anche nel resto mondo. I ragazzi sono rimasti particolarmente colpiti da un progetto di solidarietà a cui ha contribuito la Western Co fornendo pannelli solari ad una scuola in Africa e permettendo così ai giovani studenti di avere energia e poter leggere anche quando scende la sera, cosa altrimenti impossibile.

 

“Sentire che, pur di leggere un libro, i ragazzi si siedono sotto un lampione distante km dalla propria abitazione è stato davvero un momento di riflessione per tutti – ha raccontato Pamela Fratini, docente di storia e filosofia al Carlo Urbani.

 

I ragazzi sono stati accompagnati a visitare l’azienda e le varie fasi di lavorazione dei diversi prodotti e poi lasciati ad uno spuntino preparato per l’occasione dallo staff .

Il responsabile commerciale, Mario Natalucci, ha spiegato ai ragazzi come il settore del fotovoltaico sia in crescita anche in Paesi insospettabili, come quelli mediorientali, primi produttori al mondo di petrolio, in quanto sta crescendo una coscienza ambientale che guarda al futuro e al benessere delle nuove generazioni.

 

Giovanni Cimini, amministratore delegato, li ha spronati ad inseguire con coraggio i propri sogni, ad impegnarsi con costanza e serietà per realizzarli, restando, però, sempre legati alle proprie radici, come ha fatto lui, che da 30 anni guida, con passione, questa azienda pioniera in Italia per il fotovoltaico, investendo nella ricerca e nello sviluppo.

I dirigenti hanno ringraziato la scuola Carlo Urbani per aver portato una ventata di freschezza e gioventù in azienda.

“In realtà siamo noi ad essere grati per la disponibilità, la professionalità e la simpatia mostrata – ha dichiarato l’insegnante Fratini – oltre che per averci permesso di dimostrare come sia effettivamente possibile un dialogo serio e concreto tra scuola e territorio, scuola e mondo del lavoro”.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X