facebook twitter rss

Via libera dal Governo per il rilancio di Lido Tre Archi, Calcinaro: “Un passo importante”

FERMO - Il presidente Anci Decaro"Saranno finanziati tutti i 124 progetti presentati. Oggi possiamo dire con orgoglio che quell'impegno è stato mantenuto"
lunedì 22 maggio 2017 - Ore 22:21
Print Friendly, PDF & Email

 

di Paolo Paoletti

“L’avevamo garantito: saranno finanziati tutti i 124 progetti presentati. Oggi possiamo dire con orgoglio che quell’impegno è stato mantenuto”. Antonio Decaro, presidente dell’Anci e sindaco di Bari, commenta il via libera, oggi in Consiglio dei ministri, alla seconda tranche di finanziamento del bando Periferie. L’impegno, comunicato dalla sottosegretaria alla presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi, è di altri 800 milioni di euro. Nel complesso l’investimento sarà di 2 miliardi e cento milioni.

Tra i  progetti finanziati anche quello di 8 milioni e 604 mila euro per il rilancio di Lido Tre Archi (leggi l’articolo). “Un passo importante che attendevamo – è il commento a caldo del sindaco di Fermo Paolo Calcinaro –  sia noi come amministrazione che tutta la città visto il progetto così importante. A questi finanziamento si aggiungono gli 8 milioni di Euro per la nuova scuola. Insieme costituiscono oltre 16 milioni di euro di finanziamenti per la crescita della città, una cifra importante che forse non si vedeva dai tempi del contratto di quartiere. Un rilancio non solo per Lido Tre Archi, ma un intervento con ripercussioni positive per tutta la costa fermana”.  

Nella nota ufficiale dell’Anci, Decaro parla di: “Un grande disegno un’operazione di ricucitura, come l’abbiamo chiamata citando Renzo Piano, di riqualificazione e di rigenerazione del tessuto urbano, tanto decisiva da convincere il governo, lo scorso ottobre, a impegnarsi per il completo finanziamento dei 120 progetti presentati dai Comuni e dalle Città metropolitane, a fronte di una prima disponibilità a favore di sole 24 città. Tra le linee principali di attività ci sono verde pubblico, scuole, ma anche housing sociale. Interventi materiali e immateriali nell’ottica dello sviluppo e della coesione. Progetti di qualità, rispetto ai quali l’Anci si propone come osservatorio per creare occasioni di dialogo tra i vari Comuni: il bando servirà anche a scambiare le buone pratiche. Siamo tanto convinti della funzione strategica connessa alla riqualificazione delle zone in cui si concentra il degrado socio economico da aver chiesto al governo una stabilizzazione del fondo”.

“La realizzazione del nuovo volto delle nostre città con il progetto sulle periferie – prosegue ancora Decaro – è oggi resa ancora più concreta grazie al supporto e alla disponibilità di Cassa depositi e prestiti, alla quale non possiamo non rivolgere il nostro ringraziamento. Cdp prevede infatti che gli enti coinvolti nel progetto possano accedere a un fondo che ci consentirà di sostenere le spese di progettazione degli interventi di riqualificazione, senza oneri per interessi o commissioni. A questo proposito – conclude Decaro – il 30 maggio prossimo nella sede dell’Anci a Roma è previsto un incontro informativo e formativo gestito da Anci e Cdp, per spiegare agli amministratori e ai tecnici le modalità e le condizioni di accesso al Fondo”.

 

ARTICOLI CORRELATI

Come sarà la ‘nuova’ Lido Tre Archi: progetto da oltre 8 milioni di euro

 

Lido Tre Archi, avanti tutta col progetto per le periferie


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..



1 commento

  1. 1
    Enzo Cini via Facebook il 23 maggio 2017 alle 6:11

    L’UNICO progetto serio sarebbe riportare lido tre archi alle origini , quando era un bel parco di ,,,pioppi,,, quello si era utile e bello ,ora regna paura è degrado di tutto il territorio.

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X