facebook twitter rss

Nuova tribuna, eventi per Rocca Tiepolo e sicurezza: Agostini rilancia sul programma

PORTO SAN GIORGIO - Il candidato sindaco ha incontrato i cittadini ieri pomeriggio in piazza Torino. Tra i tempi affrontati anche la sanità
domenica 28 maggio 2017 - Ore 12:30
Print Friendly, PDF & Email

 

Il candidato sindaco Andrea Agostini ha incontrato ieri pomeriggio i sangiorgesi a Piazza Torino, per parlare del suo programma di coalizione e rispondere alle  domande dei presenti. Tanti i temi toccati, a partire dalla sicurezza.

“Oggi siamo nel punto di aggregazione primario del quartiere nord – ha detto Agostini – Una bella realtà con un parco giochi molto frequentato da bambini e famiglie. Tutto bene? Non proprio, perchè appena pochi giorni fa abbiamo vissuto 12 ore di ordinaria follia. In mezza giornata abbiamo avuto una rapina in pieno giorno non lontano da qui, un furto in centro, un furto con spaccata ad un’auto posteggiata fuori da un ristorante. La sicurezza è un problema ovunque, ma fatte le proporzioni con il numero di abitanti e la superficie di soli 4 km di Porto San Giorgio, qui possiamo parlare di una vera e propria emergenza”.

La ricetta, per Agostini:”E’ premere ai tavoli istituzionali per rivedere una distribuzione dei carabinieri con sole 12 unità alla nostra caserma per presidiare l’intera costa fermano-sangiorgese. I vigili sono ausiliari di pubblica sicurezza, possono dare una mano prevedendo più servizi in strada e meno per attività come spunta del mercato e verifiche sull’occupazione di suolo pubblico. Più investimenti sulla videosorveglianza, dato che abbiamo 28 telecamere di cui 10 non funzionanti. Daremo sgravi fiscali ai privati che installano sistemi di controllo video, aumenteremo i corpi illuminanti, dobbiamo essere più attenti per evitare che soggetti già espulsi girino ancora per la città. Impegniamoci tutti per presidiare un’oasi felice”.

Agostini rimarca la perdita della Potes a Porto San Giorgio. “Avevamo un servizio prezioso che partendo dall’ex ospedale consentiva ai mezzi di soccorso, per i casi di massima urgenza, di raggiungere in pochi istanti il territorio comunale. In certe situazioni pochi minuti fanno la differenza tra la vita e la morte ed oggi, è un dato oggettivo, abbiamo perso quel presidio, che parte dall’ospedale di Fermo, con tempi inevitabilmente più lunghi. Il tutto senza che questa amministrazione abbia proferito parola. Daremo battaglia con tutte le forze per riavere ciò che ci è stato tolto”.

Un passaggio anche sulla viabilità davanti alla chiesa Sacra Famiglia. “E’ un bene che un problema viario storico venga risolto, ma la nostra amministrazione aveva raggiunto l’accordo per farlo realizzare a spese dei privati, invece questo intervento lo pagano i sangiorgesi, con tanto di abattimento di un pino secolare. Ogni volta che serve tagliare degli alberi, puntuale arriva qualcuno a certificare che quella pianta sta morendo. Eppure era lì da sempre”.

Agostini, rispondendo alle domande, ha preso impegni: “A realizzare subito una tribuna per il nuovo campo sportivo a nord, ad investire sulla pista di atletica che può ospitare eventi nazionali e portare pernottamenti in città, a rilanciare Rocca Tiepolo attraverso eventi di eccellenza. Poche iniziative, ma di altissimo profilo. Un altro obiettivo è una nuova piscina, nei pressi del palasport o sud, all’ingresso della città, vicino alle strutture alberghiere”.

Si è parlato anche della necessità di ulteriore abbattimento delle barriere architettoniche e dell’esigenza di “una scelta di mercato. Per noi la priorità va data a chi vuole investire per portare movimento e vitalità serale, non a chi viene a Porto San Giorgio poche settimane l’anno per riposare”.

In conclusione, l’appello a non perdere l’ultima opportunità: “I treni non passano troppe volte – commenta Agostini – Abbiamo perso quello della terza corsia e siamo rimasti tagliati fuori da tutto. Abbiamo perso l’opportunità di sfruttare i proventi della vendita della San Giorgio Energie per un intervento strutturale sul lungomare. O diamo un cambio di marcia subito, o tra altri 5 anni sarà troppo tardi”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X