facebook twitter rss

”Diamo un calcio alla droga”,
in gol l’associazione Aries

SPORT & SOCIALE - Sensibilizzazione contro gli stupefacenti e calcio a 5 come emblema dell'attività fisica sana. Da tredici anni l'appuntamento è firmato dall'ente noto anche come Officina Nazional Popolare
lunedì 19 giugno 2017 - Ore 23:28
Print Friendly, PDF & Email

Un momento della conferenza inaugurale

FERMO – Insieme per dare un calcio alla droga. Questo lo spirito che anima, ininterrottamente da tredici anni, una domenica del giugno fermano. Per l’edizione 2017 ecco dunque replicare il passaggio consolidato in quella alle spalle, 18 giugno.

Ad allestire il mix dato dalla sensibilità contro gli stupefacenti e il calcio a 5 l’associazione Aries Officina Nazional Popolare che, come spiegato nel nostro articolo di presentazione ( leggilo cliccando qui ), strutturando l’appuntamento in due momenti, nella mattinata ha intrattenuto gli iscritti delle sei squadre partecipanti con la testimonianza del dottor Enrico Amurri, psicologo, ed il contributo dell’Avap di Pesaro, ente organico alla celeberrima comunità di San Patrignano che assiste le famiglie dei ragazzi ospiti nella struttura di recupero.

L’intervento del sindaco di Fermo, Paolo Calcinaro

Durante la relazione sono inoltre giunte le parole alla platea del sindaco Paolo Calcinaro, degli assessori ai servizi sociali, Mirco Giampieri e alla Polizia Municipale e commercio, Mauro Torresi. Nel tardo pomeriggio, per le premiazioni di rito, ecco infine la presenza anche del membro di Giunta con delega allo sport, Alberto Maria Scarfini. Non poteva inoltre mancare il saluto di una rappresentanza delle forze dell’ordine, invitate dagli organizzatori in qualità di combattenti del fenomeno quotidianamente a spendersi in prima linea.

Spazio poi al calcio giocato. Passo pressoché costante durante le fasi eliminatorie della compagine di casa, Aries ONP, battuta poi in finale dai Cavalier Team, squadra qualificata come seconda e regolata già dall’Aries nella fase di qualificazione ma in grado di servire la vendetta sportiva al momento topico della giornata, portando a casa con merito il primo posto grazie anche ad una miglior condizione atletica mostrata sulla lunga distanza. A completare il quadro delle partecipanti le selezioni di Sant’Anna, Meglio Gioventù, Sfiatati e Settebello.

“Anche per l’edizione appena alle spalle non possiamo che essere orgogliosi del risultato ottenuto, equipollente alla resa degli anni passati, frutto del solito smisurato impegno – gli umori di una responsabile di Aries, Elisabetta Sabatini- . Speriamo di poter ingrandire ancor di più questa manifestazione a cui noi teniamo in particolar modo. Un ringraziamento va a Matteo Urbani, ideatore del torneo in esame, ma il grosso va comunque a tutti i ragazzi dell’associazione nonché al presidente Simone Perticarini. Senza di loro tutto questo non sarebbe possibile. Allo staff dello Zeta Club un abbraccio affettuoso perché ogni anno ci riserva praticamente il monopolio dei campi da gioco. Un saluto anche a tutti i simpatizzanti che volontariamente vengono ad aiutarci, dalla cucina dove prepariamo un ristoro per le squadre agli arbitri che prestano gratuitamente la propria opera durante le sfide”.

Paolo Gaudenzi

 

La conferenza sulle problematiche legate all’uso delle droghe

I premi messi in palio e le targhe ringraziamento per i relatori

Il sorteggio con gli accoppiamenti delle sfide

La selezione degli Sfiatati, tra la più longeva dal punto di vista della partecipazione

I vincitori, Cavalier Team

I secondi classificati, Aries Officina Nazional Popolare


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X