facebook twitter rss

Collina divorata dalle fiamme a San Marco alle Paludi: paura tra gli abitanti della zona
GUARDA IL VIDEO

FERMO - Paura tra i residenti che allertati dal fumo si sono riversati in strada. Tra questi anche alcuni anziani. Le fiamme hanno letteralmente divorato un'ampia porzione di campi di grano. A complicare le cose e favorire l'estensione dell'incendio il vento che ha contribuito ad alimentare il fuoco. Sul posto due squadre dei vigili del fuoco di Fermo intervenuti tempestivamente
Print Friendly, PDF & Email

 

di Paolo Paoletti

foto Marco Marziali

Le immagini parlano da sole e lasciano interdetti per la vastità dell’area interessata. Quasi un’intera collina, adibita alla coltivazione di grano è stata distrutta dalle fiamme. La colonna di fumo nero era ben visibile sia dalla costa che dalla zona nord est di Fermo. Il maxi incendio è divampato nel tardo pomeriggio di oggi, poco dopo le 18, lungo le colline che costeggiano la strada provinciale Paludi all’altezza della ‘castelletta’ ovvero la torre di avvistamento che si spicca verso la costa.

Le fiamme hanno letteralmente divorato un’ampia porzione di campi di grano. A complicare le cose e favorire l’estensione dell’incendio il vento che ha contribuito ad alimentare il fuoco. Nella zona ci sono anche alcune abitazioni. Paura tra i residenti che allertati dal fumo si sono riversati in strada. Tra questi anche alcuni anziani. Una preoccupazione più che legittima, come appare in modo evidente da alcuni scatti inviati alla redazione di Cronache Fermane dagli abitanti della zona, soprattutto dai residenti di un’abitazione che si trova alla fine del campo devastato dal fuoco.

Tanti i passanti che percorrendo la provinciale Paludi si sono fermati  di fronte alla scena, anche per osservare le dimensioni dell’incendio.  E’ stato dato l’allarme ai vigili del fuoco di Fermo intervenuti tempestivamente sul posto e al lavoro con due squadre.

Le immagini inviate dagli abitanti della zona

Le immagini inviate dagli abitanti della zona

Le immagini inviate dagli abitanti della zona


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X