facebook twitter rss

Portare il “turismo in bicicletta” alla scoperta della Valdaso con Marche Outdoor

VALDASO - Il lancio del progetto Marche Outdoor avverrà alla Borsa Internazionale del Turismo in programma a Milano dal 10 al 12 febbraio
Print Friendly, PDF & Email
di Alessandro Giacopetti

Si chiama Marche Outdoor il progetto turistico con cui la Regione Marche intende rivolgersi ai turisti amanti delle biciclette. L’incontro di presentazione alle imprese che operano nella Valle dell’Aso si è svolto nella sala polivalente del teatro comunale a Campofilone

Marche Outdoor intende coinvolgere gli attori che in vario modo operano nel settore del ciclo-turismo: enti locali, strutture ricettive, ristoranti, negozi, officine per biciclette, aziende agricole, artigiani, accompagnatori ciclo turistici. Saranno loro ad erogare i servizi necessari e richiesti dai turisti del segmento “bici” che, è stato comunicato nell’incontro, sono oltre 60 milioni in Europa.

Ai saluti istituzionali ed all’introduzione dei lavori a cura di Ercole D’Ercoli, sindaco di Campofilone e presidente dell’Ecomuseo della Valle dell’Aso, sono seguiti gli interventi del responsabile e coordinatore del settore bike della Regione Marche, Alberto Tersino Mazzini e di Chiara Ercoli, responsabile della piattaforma regionale. Entrambi hanno spiegato il progetto e risposto alle domande degli intervenuti. Presenti sia amministratori dei Comuni aderenti all’Ecomuseo della Valle dell’Aso (Altidona, Campofilone, Carassai, Moresco, Montefiore dell’Aso, Monterubbiano, Monte Rinaldo, Ortezzano, Pedaso, Petritoli) che imprenditori del territorio: agriturismi, B&B, villaggi turistici, artigiani, aziende agricole ed associazioni.

Ovviamente soddisfatti gli amministratori presenti che vede condiviso dalla Regione Marche il valore del turismo sostenibile che da anni portano avanti con determinazione. Nel corso della riunione è stato anche ricordato come il territorio della Valdaso stia investendo e sia beneficiario di misure importanti per le infrastrutture legate alla mobilità dolce. Ne è un esempio la ciclovia Adriatica che interessa il lungomare di Altidona, Pedaso e Campofilone. In quest’ultimo Comune i lavori sono stati appaltati. Iniziati anche i lavori di realizzazione del ponte ciclopedonale sul fiume Aso. Stanziati 3,3 milioni di euro per la pista ciclabile destinata ad unire costa ed entroterra della Valdaso, in corso di progettazione.

Il responsabile e coordinatore Alberto Tersino Mazzini ha concluso l’incontro ricordando che l’adesione al progetto ed il supporto della struttura regionale sono completamente gratuiti e che il primo lancio promozionale del progetto sarà fatto nell’importante vetrina nazionale fornita dalla Borsa Internazionale del Turismo in programma a Milano dal 10 al 12 febbraio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti