facebook twitter rss

Alla Victoria Fermo
la sospirata salvezza

SERIE D - Con il successo replicato anche in gara due, per 59-72 sul fondo di Porto Potenza, la Marcozzi ha centrato la permanenza in categoria
Print Friendly, PDF & Email

FERMO – Arriva la sospirata salvezza per la Marcozzi Fermo che conquista anche gara 2 a Porto Potenza con il punteggio di 59 a 72 e si garantisce anche per la prossima stagione la permanenza nella Serie D regionale.

LE SQUADRE

PORTO POTENZA 59: Palombini 3, Emiliani, Filo 12, Bovari 11, Vergari ne, Salvatelli 12, Raccosta 5, Fabiani 5, Pompozzi 4, Andreatini 5, Margaretini, Rossini 2. All. Ramini

VICTORIA FERMO 72: Antinori 9 Centonza 11 Mancini 9 Pierantozzi 10 Belleggia 9 Pelacani 8 Cinti 10 D’Onofrio 2 Maroni, Hoxha, Mastroianni 4 Edraoui. All. Pasquali V. All. D’Onofrio

LA CRONACA

Anche ieri sera il buon inizio da fiducia ai ragazzi di Pasquali, sebbene i padroni di casa non ci stanno ad essere vittime sacrificali e si giocano il tutto per tutto. Il vantaggio fermano al termine del primo quarto è di 4 lunghezze (13-17) ma l’inerzia del match è tutta in mano a Belleggia e company; lo stesso capitano da sotto sembra essere implacabile seppur costantemente bersagliato da contatti molto al limite della correttezza.

Il secondo quarto è di fatto il break che consente alla Marcozzi di andare al riposo lungo sul 25 a 39 con tutti i ragazzi a referto che portano il loro contributo alla causa. La difesa sugli uomini più pericolosi locali funziona e l’attacco fermano a parte il tiro dalla lunga, ha ottime percentuali nel pitturato e finalmente anche ai liberi.

Sembra che la gara debba avviarsi verso una tranquilla ripresa ed invece al terzo minuto sul più 17 capitan Belleggia perde la bussola e dopo l’ennesimo scorrettissimo contatto subito a rimbalzo, piazza il gomito sulla faccia del suo avversario inducendo l’arbitro alla giusta sanzione dell’espulsione.

Potrebbe venire fuori un’altra gara a questo punto, mancando ancora 17 minuti, ma ci pensano immediatamente Pelacani e Pierantozzi a sopire le velleità di una eventuale rimonta casalinga. Sono attimi dove la coppia arbitrale fatica un po a tenere a bada giocatori e coach; l’esperienza di Antinori, Centonza e Maroni, schierati contemporaneamente fanno in modo che i ritmi gara scemino con il vantaggio che viaggia sempre introno ai 15 punti.

Ci pensa Cinti con due triple consecutive a mettere il sigillo sulla gara portando il gap ad oltre 20 punti a poco meno di 4 minuti dalla sirena finale, che sancisce la meritata vittoria fermana. La prova del collettivo è stata senza dubbio l’arma vincente per traghettare in porto il match, ogni giocatore ha portato il suo mattone per la conquista della vittoria finale.

In 9 sono andati a referto ed ognuno nelle diverse fasi del match è risultato determinate, come Mancini nei primi due quarti autore di un 4 su 4 con penetrazioni che risultavano mortifere per gli avversari o come i 6 assist di Antinori che ha fornito su piatti d’argento facili canestri per i compagni, o come Centonza anche se con percentuali non brillanti ha messo a segno canestri in momenti importanti o come già detto di Pelacani e Pierantozzi che subito dopo l’espulsione del capitano Belleggia hanno immediatamente messo punti a referto impedendo di fatto che la gara potesse prendere una piega diversa; menzione senza dubbio per i vari Hoxha, D’Onofrio e Maroni che spendono i loro minuti con una super difesa con Maroni capace di ben 6 recuperi e con Mastroianni che nel momento di far rifiatare i lunghi mette a segno un 2 su 2 eloquente. L’ultimo minuto di gioco è anche per il giovanissimo 2002 Edraoui.

Alla sirena finale, scoppia la festa per i ragazzi di Pasquali; l’aver raggiunto una sospirata salvezza dopo un anno cosi problematico, è motivo di soddisfazione per la società, che pur sapendo di aver trascorso mesi senza vittorie, era sempre consapevole che la squadra alla fine, avrebbe raggiunto l’obiettivo della salvezza.

Ora ci sarà il meritato periodo di riposo anche per la dirigenza, che però dalla metà del mese di giugno ricomincerà a lavorare per preparare la prossima stagione, ancora nel campionato di serie D.

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X