fbpx
facebook twitter rss

Cgil: “Crescono gli infortuni
sul lavoro nelle Marche”,
a Fermo un calo del 3,4%

SINDACATO - Dalla Cgil: "Sono 14 i lavoratori che hanno perso la vita dall’inizio dell’anno: 2 donne e 12 uomini. A livello nazionale gli infortuni mortali sono stati 482: una strage continua che deve essere fermata"
lunedì 5 Agosto 2019 - Ore 16:56
Print Friendly, PDF & Email

“Continuano a crescere gli infortuni sul lavoro nelle Marche. E’ quanto emerge dai dati diffusi dall’Inail ed elaborati dalla Cgil Marche.

Nei primi sei mesi dell’anno sono stati denunciati 9.438 infortuni, 78 in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (+0,8%) e in controtendenza rispetto al livello nazionale in cui si registra un calo (-0,2%). Nelle Marche crescono in particolare gli infortuni in occasione di lavoro (+1,5%) mentre quelli in itinere presentano una diminuzione (-3,3%)”. E’ quanto comunicano dalla Cgil Marche.

“Il territorio che presenta un incremento significativo di infortuni è quello di Ancona (+5,7%), mentre il fenomeno è stabile in quello di Pesaro Urbino. In calo gli infortuni denunciati in quelli di Fermo (-3,4%), Macerata (-3,2%) e Ascoli Piceno (-1,8%)”.

 

Secondo Daniela Barbaresi, segretaria generale della Cgil Marche: “Insufficienti investimenti dell’Asur in prevenzione, aumento dell’età pensionabile e precariato dilagante: un mix devastante che mette sempre più a rischio la sicurezza dei lavoratori. I dati dell’Inail relativi ai primi 6 mesi del 2019 tracciano un trend negativo in cui stanno aumentando pericolosamente le denunce di infortuni sul lavoro e gli incidenti mortali. Un campanello d’allarme da non sottovalutare. Questi dati evidenziano la necessità di un’azione forte e decisa da parte di tutti, dalle imprese alle istituzioni, investendo in sicurezza, prevenzione, formazione, lavoro stabile e di qualità e condizioni di lavoro dignitose. Vanno incrementati gli organici dedicati ai controlli e alla vigilanza, cosi come alla repressione dei fenomeni di irregolarità”.

“Osservando gli infortuni in occasione di lavoro – aggiungono dal sindacato – emerge che i più colpiti sono i lavoratori dell’industria manifatturiera dove peraltro gli infortuni crescono dell’1,0%. Crescono in particolare nel settore delle calzature e abbigliamento (+23,9%), nella chimica, gomma, plastica (+16,1%), nel legno-mobile (+9,0%), mentre sono in calo nella meccanica (-8,1%). Rilevante l’incremento nelle costruzioni (+16,3%), nel commercio e riparazioni (+11,9%) e in agricoltura (+11%). Aumentano gli infortuni anche nella sanità e assistenza sociale (+3,8%) e nei trasporti (+3,5%). In un’ottica di genere, va rilevato che il maggior numero di infortuni colpisce gli uomini, ma il fenomeno è in leggero calo, mentre per le donne che si assiste significativo incremento di infortuni denunciati (+3,6%).

Giuseppe Santarelli

Osservando i dati per classi di età degli infortunati, emerge che i più colpiti continuano ad essere i giovani e in particolare coloro che hanno meno di 19 anni per i quali gli infortuni crescono dell’8,5%. Anche i migranti sono tra i più coinvolti dal fenomeno: per i lavoratori extracomunitari gli infortuni denunciati sono cresciuti in modo rilevante (+10,9%), così come anche per i lavoratori provenienti da altri Paesi dell’UE (+3,4%). In calo gli infortuni per i lavoratori italiani (-0,7%).

Drammatico il bilancio degli infortuni mortali. Sono 14 i lavoratori che hanno perso la vita dall’inizio dell’anno: 2 donne e 12 uomini. A livello nazionale gli infortuni mortali sono stati 482: una strage continua che deve essere fermata”.

Giuseppe Santarelli, segretario regionale Cgil Marche e responsabile salute e sicurezza, aggiunge: “I più colpiti sono i giovani e i migranti, cioè coloro che maggiormente vivono in condizioni di lavoro precario, instabile o senza formazione adeguata. Per questo è necessario mettere fine alla crescita del lavoro precario o frammentato così come è necessario ripristinare norme più stringenti in materi a di appalti. Le scelte del Governo stanno andando nella direzione sbagliata: dal decreto ‘Sblocca cantieri’, che ha abbassato a mio avviso diritti e tutele per i lavoratori, ancora più esposti al rischio di infortuni, al decreto interministeriale di alcuni mesi fa, che ha ridotto i premi Inail a carico delle imprese mediamente del 32%, veicolando il messaggio pericoloso che la sicurezza è un costo per le imprese da ridurre”.

“Continua a essere elevato anche il numero delle malattie professionali. Nei primi 6 mesi dell’anno – concludono dalla sigla sindacale – ne sono state denunciate 3.290, in diminuzione rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Sono -0,8%. Andando nel dettaglio, però, emergono aspetti rilevanti a partire dal significativo incremento delle malattie del sistema osteomuscolare e del tessuto connettivo che peraltro costituiscono i due terzi delle malattie denunciate”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X