fbpx
facebook twitter rss

Picchia la sorella, prevaricazioni
sulla mamma invalida
:
la polizia lo allontana da casa

VIOLENZA - A seguito della segnalazione della sorella dell'uomo, la questura di Fermo ha subito attivato la procedura del “codice rosso” ed immediatamente si è data concretezza al protocollo operativo di contrasto alla violenza domestica, che mette in rete più istituzioni della provincia
martedì 17 Settembre 2019 - Ore 10:09
Print Friendly, PDF & Email

di redazione CF

“Da anni aveva instaurato un profondo clima di terrore a casa, con comportamenti prevaricatori e dispotici verso l’anziana madre invalida e la sorella. Era arrivato ad insultare quest’ultima, a malmenarla, offenderla e picchiarla con il manico di una scopa, causandole lesioni personali tanto da dover ricorrere alle cure del pronto soccorso. E le impediva addirittura di uscire di casa, costringendola alla fine di richiedere l’aiuto della polizia”. E’ la ricostruzione degli investigatori della questura di Fermo sul comportamento di un uomo di circa 50 anni per il quale ieri è scattato l’allontanamento da casa.

Il questore di Fermo, Luciano Soricelli

L’intervento della polizia una volta che la sorella dell’uomo, trovando il coraggio di parlare, si è rivolta al questore Luciano Soricelli.

“La donna – spiegano dalla questura – aveva richiesto al questore il provvedimento di ammonimento. Ma, ricorrendo gravi reati procedibili d’ufficio, i poliziotti hanno informato immediatamente l’autorità giudiziaria. Si è così attivata la procedura del ‘codice rosso’ ed immediatamente si è data concretezza al protocollo operativo di contrasto alla violenza domestica, che mette in rete più istituzioni della provincia”. Dalle indagini si arriva al provvedimento. “Ieri pomeriggio – conclude la polizia di Stato – l’esecuzione della misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare nei confronti dell’uomo violento, emessa dal giudice delle indagini preliminari del tribunale di Fermo su richiesta del pubblico ministero, che ha fatto proprie le risultanze investigative della Questura”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X