facebook twitter rss

Faccia a faccia
sulla ciclabile in Commissione
“Confronto utile ma occorre più tempo”

PORTO SAN GIORGIO - Faccia a faccia ieri sera tra una delegazione del Comitato che si sta battendo per la pista ciclabile sul lungomare Gramsci e la Commissione consiliare presieduta da Catia Ciabattoni. Sul tavolo la petizione firmata da 500 cittadini.
Print Friendly, PDF & Email

di Sandro Renzi

Su un punto tutti concordano. Maggioranza, opposizione e Comitato: il lungomare Gramsci ha bisogno di una pista ciclabile. E questo è emerso a chiare note ieri sera, quando una delegazione del Comitato guidato da Paolo Intorbida ha incontrato i componenti della II Commissione consiliare presieduta da Catia Ciabattoni. Su un punto però restano le distanze. Ed è quello dei tempi di realizzazione di un progetto atteso da oltre 20 anni. Il Comitato vorrebbe che la pista fosse pronta prima possibile, magari già per la prossima estate, l’Amministrazione Loira, che ha agganciato la sua realizzazione al progetto della Ciclovia Adriatica voluta dalla Regione Marche, sa bene che occorrerà più tempo di quello auspicato. Il primo nodo da sciogliere, quindi, riguarda il cronoprogramma. E qui a pesare saranno le mosse della Regione a cui è stato inviato il progetto di una pista da individuare sul lato ovest del marciapiede. Lo stesso contenuto nel piano di spiaggia approvato dalla giunta Amici. “Quello che avevamo subito disponibile” ha rimarcato l’assessore ai lavori pubblici Silvestrini.

Per il mese di marzo la Regione dovrà avere invece il progetto preliminare su cui lavorare. E’ questa per ora l’unica certezza. Il Comitato, però, non è restato con le mani in mano e ieri sera ai consiglieri presenti ha proposto di recepire la loro idea come primo stralcio funzionale di una progettazione più ampia. Anche l’assessore Massimo Silvestrini, da sempre scettico sulla possibilità di ricavare una pista “provvisoria” sul lungomare, ha preso atto di questa novità che rappresenta un passo in avanti rispetto alle voci circolate fino a qualche giorno fa, quando si riteneva che la proposta del Comitato fosse quella di dare vita ad una ciclabile per l’appunto “provvisoria” in attesa o nelle more di una progettazione che investisse tutta la riqualificazione del  lungomare. Idea che la maggioranza non aveva accolto bene visto che comporterebbe un esborso di circa 250mila euro. Ieri non si è scesi troppo sui particolari tecnici ma il Comitato ha preparato anche dei disegni e delle sezioni. La proposta è in sostanza quella di realizzare la pista sulla sede stradale, senza quindi toccare il marciapiede, mantenendo inalterata la passeggiata, ma istituendo ovviamente il senso unico. Non si è sbilanciata la Commissione. Non lo hanno fatto né i consiglieri di maggioranza né quelli di minoranza, con la sola eccezione di Maria Lina Vitturini (FdI) favorevole alla proposta del Comitato di cui peraltro fa parte. Alla fine a prevalere è stata la decisione di approfondire di più tutta la questione analizzando anche i pareri tecnici forniti dal comandante Paris e dall’arch. Censi. Marco Marinangeli della Lega ha suggerito che sia il Consiglio a dare mandato all’Amministrazione “affinché faccia tutti i passaggi necessari per arrivare in tempi certi alla realizzazione della pista”. Resta da capire pure se i soldi stanziati dal Ministero potranno essere destinati ad una riqualificazione del lungomare. Dettaglio non certo superfluo visto anche i costi che un cantiere simile richiederebbe per le casse comunali. Insomma quello di ieri è stato un incontro interlocutorio ma utile per confrontarsi direttamente. Mentre qualche ora prima i balneari avevano incontrato gli assessori Vesprini e Silvestrini per parlare dello stesso argomento. Alla Presidente Ciabattoni il compito di tirare le fila. “Avete avuto il merito di essere il giusto pungolo al momento giusto -ha detto rivolgendosi al comitato- abbiamo recepito quello che avete detto e ci riaggiorneremo dopo aver letto le relazioni tecniche”. E’ previsto quindi un altro passaggio in Commissione. “Lì valuteremo se c’è la necessità di altro incontro ma sia ben chiaro che anche noi vogliamo questa opera strategica, tuttavia proprio perché la questione è articolata dobbiamo rispettare i tempi e seguire una istruttoria ben definita”. Quando la petizione andrà in Consiglio non è dato ancora saperlo. Il capogruppo del Pd, Andrea Di Virgilio, ed il Presidente del Consiglio comunale, Giuseppe Catalini hanno infine rimarcato che il progetto di una ciclabile sul lungomare è espressamente prevista nel programma amministrativo del centrosinistra.

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X