fbpx
facebook twitter rss

Rubano le slot machine,
il furgoncino con cui stanno
scappando precipita nel dirupo

FORCE/MONTELPARO - Il Fiat Fiorino è finito nella scarpata scivolando per circa 100 metri. All'interno una delle slot machine rubate nella notte. Indagano i carabinieri della compagnia di Ascoli Piceno. A ritrovare il mezzo, rubato al proprietario del bar, i militari dell'Arma della compagnia di Montegiorgio
Print Friendly, PDF & Email

di Giorgio Fedeli

Rocambolesco furto nel corso della nottata appena trascorsa, a Force, dove dei malviventi hanno asportato da un bar delle slot machine. I banditi, dopo essere penetrati all’interno del pubblico esercizio, hanno trafugato le macchine da gioco per poi caricarle su un Fiat Fiorino, di proprietà del titolare del bar. Ma quel Fiorino da lì a un paio d’ore sarà ritrovato in un dirupo, dalle parti di Montelparo, dopo una picchiata di circa 100 metri. E ora è caccia ai banditi.

Sul furto indagano i carabinieri della compagnia di Ascoli Piceno mentre il Fiorino è stato ritrovato dai colleghi della compagnia di Montegiorgio, territorialmente competenti rispettivamente a Force e a Montelparo. Dal bar sarebbero scomparse diverse macchine slot. E solo una, al momento, è stata ritrovata e riconsegnata, dopo gli opportuni rilievi sul mezzo rubato, al proprietario: quella che si trovava all’interno del furgoncino finito nel dirupo. Il mezzo, con la supervisione dei militari dell’Arma, è stato recuperato con un verricello e rimesso in strada. E ora si indaga per risalire all’identità dei malviventi e soprattutto sulla sequenza del furto, ai vari step della fuga. Cose sarebbe capitato ai ladri in quel Fiorino, tanto da farlo finire nella scarpata con la slot ancora all’interno? Hanno provato a scaricarla spostando di fatto il peso del veicolo e spingendolo inavvertitamente fuori strada? Da Montelparo dove sono finiti, e con l’ausilio di chi? C’erano presumibilmente dei complici, altri malviventi, quelli fuggiti con le slot che mancano all’appello? Insomma domande a cui i carabinieri stanno cercando di dare delle risposte, quanto prima. Risposte che potrebbero condurre all’identità dei malviventi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X