facebook twitter rss

Il campo di rugby si rifà il look,
nuovi spogliatoi e club house:
approvata la variante a Marina Palmense

FERMO - Unanime il voto in consiglio comunale. A fianco dell’impianto sarà realizzata un’area faunistica a valenza turistica. La gestione del campo sarà affidato tramite un bando ad evidenza pubblica, come la piscina comunale, in un sistema pubblico privato in cui il Comune si occuperà dell’investimento e la concessione sarà affidata al privato con una concessione a lungo termine
Print Friendly, PDF & Email

di Federica Broglio

Si è aggiunto un altro tassello al grande progetto di rilancio della tradizione rugbistica fermana che da qualche anno, dopo la fusione tra l’Amatori Rugby 1935 e Fenice Rugby, ha ritrovato con la nuova società Fermo Rugby Club nuovo impulso e vigore, oltre ad un notevole incremento di iscritti, soprattutto tra i giovanissimi.

Il consiglio comunale, nell’ultima assise, ha approvato all’unanimità la variante al Prg per la riqualificazione dell’area di Marina Palmense di oltre 16mila metri quadri occupata dal campo sportivo al servizio della palla ovale, prevedendo un investimento di quasi 740mila euro per la demolizione delle strutture esistenti in avanzato stato di degrado e la realizzazione di nuovi spogliatoi, servizi igienici, bar e club house. Ora il progetto dovrà passare al vaglio della Provincia per poi tornare in consiglio comunale per la conclusione dell’iter.

“Il campo – ha detto in consiglio il sindaco Paolo Calcinaro – è sorto spontaneamente negli anni ‘80 ed ora risente di strutture fatiscenti. Oggi lo sport è molto più praticato, grazie all’impegno di promozione sul territorio e tra le scuole della società e noi vogliamo valorizzare una tradizione storica che non va perduta”. Il campo sportivo sarà riqualificato in armonia con l’area faunistica e di volo individuata a nord, grazie alla collaborazione con le associazioni ambientaliste – che il Comune vorrebbe candidare al riconoscimento di area di interesse comunitario Zsc (Zone speciali di conservazione) e Zps (Zone a protezione speciale) – prevedendo percorsi di bird watching e aumentando le potenzialità turistiche dell’intero territorio di Marina Palmense. Lo studio di fattibilità tecnica ed economica dell’istituzione di quest’area di protezione speciale per la salvaguardia dell’avifauna è stato affidato al professionista Leonardo Marotta, agrotecnico dello studio associato Entropia.

“Sarebbe importante che le nuove strutture potessero essere messe al servizio anche del campo di calcio vicino – ha sottolineato in consiglio Pierluigi Malvatani (Pd) -. Noi poi chiedevamo un piano di riqualificazione per l’intera area di Marina Palmense”. Ha evidenziato “l’alto valore sportivo della società rugbistica e la funzione sociale importantissima” il consigliere di Fermo Forte Nicola Lucci, ma soprattutto “le prospettive di attrazione turistica che un impianto rivalorizzato potrà portare al territorio, visto che è l’unico a costeggiare il mare”.

Attualmente si presenta come uno “scenario imbarazzante” per Massimo Tramannoni della lista “Non mi fermo” e “sono certo che con nuove strutture omologate e più accoglienti aumenteranno i tesserati. Bisognerà intervenire anche sulla scogliera e sulla strada che costeggia la battigia”.

Pur essendo soddisfatto del progetto, Renzo Interlenghi, capogruppo di Fermo capoluogo, ha auspicato la realizzazione anche di spalti adeguati per poter assistere alle competizioni future. “Capisco che l’area è pregiata – ha chiosato – ma se si fa una scelta, si porti avanti fino in fondo”. “Sarebbe un’occasione per presentare ai Comitati nazionali eventi sportivi di spessore” ha aggiunto Luciano Romanella della Lega, “ma è necessario studiare un piano urbanistico più ampio che coinvolga tutta la costa sud – ha sottolineato Sandro Vallasciani del Pd -, iniziando dalla pista ciclopedonale di collegamento con Porto San Giorgio e la valorizzazione dell’agglomerato urbano di Marina Palmense”.

“Sono contento del bel segnale da parte del Pd di appoggiare l’intervento – ha chiuso il sindaco Calcinaro – ma ricordo che c’era una parte dell’opposizione che sbraitava e che c’è stato un fuggi fuggi generale. Ha ragione Vallasciani sulla necessità di una riqualificazione di Marina Palmense sulla quale è scorso sangue, ma chi poteva portarla avanti in passato non l’ha fatto”.

Il primo cittadino ha poi spiegato che la gestione del campo sarà affidato tramite un bando ad evidenza pubblica, come la piscina comunale, in un sistema pubblico privato in cui il Comune si occuperà dell’investimento e la concessione sarà affidata al privato con una concessione a lungo termine.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X