facebook twitter rss

Covid: 699 nuovi casi nelle Marche. Sei ricoveri in più, morti due under 50

IL BOLLETTINO del servizio Sanità - Nelle ultime 24 ore testati 2.091 tamponi nel percorso nuove diagnosi, positivo il 33%. Continua a salire il tasso cumulativo di contagi ogni 100mila abitanti, arrivato a 621. Nel Maceratese ne sono stati riscontrati 40, 158 i sintomatici in tutta la regione. L'occupazione di posti letto nelle intensive è al 19,8%, in area medica al 23,16%. Tre i decessi: un 41enne di Tavullia, una 49enne di Fano e un 84enne di Cagli, tutti con patologie pregresse
Print Friendly, PDF & Email

 

Sono 699 i nuovi casi di Covid nelle Marche. E’ quanto fa sapere l’Osservatorio epidemiologico delle Marche. Il basso numero di contagi rispetto ai giorni scorsi è dovuto al minor numero di tamponi eseguiti durante le festività. Nelle ultime 24 ore ne sono stati testati 3.459: 2.091 nel percorso nuove diagnosi e 1.368 nel percorso guariti. L’incidenza dei positivi è dunque al 33,4%, mentre continua la corsa del tasso cumulativo di contagi ogni 100mila abitanti, arrivato a 621,08. La provincia che ha fatto registrare più contagi è Ancona (397), seguono: Pesaro-Urbino (185), Macerata (40), Ascoli (38), Fermo (10), 29 da fuori regione. Di questi, 153 sono tra under 18, 66 tra 19-24 anni, 177 tra 25-44 anni, 164 tra 45-59 anni,  67 tra 60-69 anni e 72 tra over 70. I sintomatici in tutta la regione sono 158.

Sul fronte ospedaliero, si registrano un totale di + 6 ricoveri rispetto a ieri: +2 in terapia intensiva e +4 in area medica. Nel primo l’occupazione di posti letto è dunque al 19,8%, nel secondo al 23,16%. Ad oggi i pazienti Covid nelle Marche sono 277: 50 in terapia intensiva e 227 in area medica. A questi si aggiungono 36 persone nei pronto soccorso: di cui 2 a Camerino, 6 a Civitanova e 4 a Macerata. Infine registrato il decesso di tre persone: un 41enne di Tavullia, una 49enne di Fano e un 84enne di Cagli, tutti con patologie pregresse.

 




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti