facebook twitter rss

Cani “speciali” capaci di fiutare diabete e Covid, al Socio Sanitario una rivoluzionaria sperimentazione

SANT'ELPIDIO A MARE - Partecipi all’incontro il dottor Roberto Zampieri, responsabile del progetto, il dottor Andrea Arbuatti, presidente dell’Associazione no-profit Cluanadog, Emanuele Baldoni, responsabile dell’addestramento cani della medesima associazione, ed Alberto Tiberi, conduttore del cane anticovid Inna
Print Friendly, PDF & Email

Nella mattinata di ieri, presso la sede dell’Iiss “Carlo Urbani” di Sant’Elpidio a Mare, nelle classi della 3D e 5D dell’indirizzo Socio Sanitario, si è sperimentato un progetto di grande novità ed interesse: il “Progetto Serena”. Partecipi all’incontro il dottor Roberto Zampieri, responsabile del progetto, il dottor Andrea Arbuatti, presidente dell’Associazione no-profit Cluanadog, Emanuele Baldoni, responsabile dell’addestramento cani della medesima associazione, ed Alberto Tiberi, conduttore del cane anticovid Inna. Tuttavia i veri protagonisti sono stati appunto i cani, anzi cani “speciali” perché in grado di fiutare il diabete ed il Covid.

L’impiego di cani addestrati nel riconoscimento di patologie importanti come il diabete, per evitare il rischio di coma, e nel riconoscimento dei casi di positività al covid è frutto di una sperimentazione durata un anno, assolutamente nuova a livello internazionale. Sperimentazione che ha coinvolto l’Università Politecnica delle Marche, l’Università di Camerino, l’Associazione no profit “Cluana dog” di Civitanova Marche e L’Asur (portale “Il mio cane”).

I ragazzi, coinvolti nella dimostrazione pratica con il cane Imma, uno dei pochissimi cani al mondo addestrati per questo, sono rimasti entusiasti per lo spessore dell’iniziativa voluta dalla loro scuola, visto che questo incontro ha costituito un’anteprima di una pratica che speriamo possa diffondersi ovunque e al più presto.

Un bel colpo messo a segno dal Socio-Sanitario di Sant’Elpidio a Mare e dall’IISS “Carlo Urbani” nel suo complesso, a dimostrazione del fatto che si tratta di una scuola fatta per i ragazzi e non solo con i ragazzi.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti