facebook twitter rss

Il Montani apre le porte all’Airc: «Agli studenti occasioni di conoscenza, confronto e crescita»

FERMO - La dirigente Scatasta: «Il 6 maggio dalle ore 9 alle 10 il progetto proseguirà con la vendita di azalee con lo scopo di sostenere la ricerca anche attraverso un gesto simbolico. Le azalee saranno piantate nella zona verde antistante ciascun plesso l’ultimo giorno di scuola»
Print Friendly, PDF & Email

Stefania Scatasta

«“Il Montani per l’Airc” nasce dall’idea della nostra scuola di far vivere agli studenti una pluralità di occasioni di conoscenza, confronto e crescita». Così, con queste parole, la dirigente scolastica dell’istituto Montani di Fermo, Stefania Scatasta, spiega il progetto che unisce l’istituto alla fondazione Airc per la ricerca sul cancro.

«Conoscenza del mondo della ricerca sui tumori e del metodo scientifico; confronto con il mondo del volontariato; crescita dei valori legati alla cittadinanza attiva. Il progetto ha visto la collaborazione del nostro istituto con i ricercatori della fondazione Airc che hanno incontrato i nostri studenti come quello del 10 marzo con la giovanissima ricercatrice Airc, Cristina Minnelli, che durante l’incontro ha affrontato sia l’aspetto scientifico della metodologia della ricerca che la sua valenza etica e morale. Significativa la testimonianza personale offerta agli studenti anche in chiave di orientamento vocazionale e professionale».

Il 6 maggio dalle ore 9 alle 10 il progetto proseguirà con la vendita di azalee con lo scopo di sostenere la ricerca anche attraverso un gesto simbolico.

«Le azalee – conclude Scatasta – saranno piantate nella zona verde antistante ciascun plesso l’ultimo giorno di scuola. Ancora una volta gli studenti avranno modo di dimostrare la sinergia ed il sostegno che sono capaci di dare ogni volta che c’è l’esigenza di mettersi al servizio della comunità, agendo concretamente i valori di senso del progetto dell’educazione civica».

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti