facebook twitter rss

Rubano 100 mila euro di rame:
accerchiati dai carabinieri
fuggono a piedi, bottino recuperato

PORTO SANT'ELPIDIO - I malviventi avevano rubato l'"oro rosso" a Monte Urano ma sono stati braccati dai carabinieri del Radiomobile di Fermo che, in collaborazione con la polizia autostradale, li hanno intercettati al casello dell'A14 di Porto Sant'Elpidio. Messi alle strette, sono fuggiti a piedi. I militari dell'Arma hanno recuperato la refurtiva
Print Friendly, PDF & Email

 

di Giorgio Fedeli

Tutto parte da Monte Urano dove mettono a segno un colpo per un bottino di oltre 100 mila euro. Ma finiscono nel fuoco incrociato dei carabinieri del nucleo radiomobile di Fermo. Ieri notte una banda di malviventi, molto probabilmente un “pool” di esperti in furti di rame, ha assaltato un impianto fotovoltaico a Monte Urano. I banditi, nel corso della nottata, sono riusciti a ‘sfilare’ cavi di rame per un valore di oltre 100 mila euro. Ma non sapevano di essere già nel mirino dei carabinieri che nel frattempo avevano ricevuto una segnalazione del furto. I militari dell’Arma, infatti, in collaborazione con la polizia autostradale, li hanno braccati fino a quando, all’altezza del casello autostradale di Porto Sant’Elpidio, hanno intercettato la banda criminale.

Il casello autostradale di Porto Sant’Elpidio

I malviventi, messi alle strette, ed intuito che per loro la fuga sarebbe stata brevissima, hanno abbandonato il carico e sono scappati a piedi. I carabinieri e l’autostradale hanno così recuperato l’ingente refurtiva per poi far scattare una caccia all’uomo che è tutt’ora in corso. Il furto sventato dai carabinieri del Radiomobile riaccende i riflettori su un fenomeno, quello del furto di rame, che nei giorni scorsi, per mano sempre dei carabinieri di Fermo, ha portato all’arresto di una banda, questa volta con un’operazione sviluppatasi da Rapagnano a Civitanova Marche (leggi l’articolo).

In manette a Rapagnano la banda dell’oro rosso: colpivano in impianti fotovoltaici (VIDEO)


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page



1 commento

  1. 1
    Maicol Pedroni via Facebook il 24 Giugno 2017 alle 1:53

    Manca un passo fondamentale su tutta questa storia…..la scoperta del furto è stata fatta da una pattuglia della vigilanza privata la quale in contatto telefonico con l’ operatore del 112 comunicava l esatta posizione del mezzo in fuga.

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti