facebook twitter rss

Comprava prodotti online
senza pagare e rubando identità
: denunciato dai carabinieri

PORTO SANT'ELPIDIO - L'uomo inviava agli ignari venditori uno screenshot riproducente una falsa ricevuta di bonifico ma in realtà mai effettuato
Print Friendly, PDF & Email

 

I Carabinieri di Porto Sant’Elpidio, al termine di una breve attività investigativa, hanno individuato, e denunciato per truffa e sostituzione di persona un 32enne disoccupato, pregiudicato, residente a Fermo.

L’uomo aveva più volte acquistato tramite noti siti di e-commerce, costosi elettrodomestici e telefoni cellulari di ultima generazione, senza poi corrisponderne il pagamento. Era solito utilizzare per gli acquisti le identità degli stessi venditori, dai quali si faceva inviare, di volta in volta tramite WhatsApp, una copia di un documento di identità per testarne l’affidabilità. per dimostrare l’avvenuto pagamento degli oggetti. Il 32enne inviava agli ignari venditori uno screenshot riproducente una falsa ricevuta di bonifico ma in realtà mai effettuato. In seguito, dava appuntamento al corriere presso vari indirizzi a Porto Sant’Elpidio, sempre diversi dalla sua reale residenza, dove lui stesso ritirava in strada i pacchi.

L’attività investigativa da parte dei Carabinieri, nata dalle numerose denunce ricevute, e’ proseguita con una perquisizione a casa del presunto truffatore, dove sono stati rinvenuti vari oggetti, tra cui un folletto nuovo comprensivo di accessori, vari pezzi di ricambio e sette filtri, per un valore complessivo di circa 4.000 euro, provento delle truffe. Posti sotto sequestro anche i due pc utilizzati per commettere il reato.

Le indagini degli uomini dell’Arma proseguiranno per risalire ad eventuali altre truffe commesse, nonché per individuare la destinazione degli altri oggetti acquistati in modo truffaldino.

I carabinieri nella circostanza invitano i cittadini a seguire alcuni consigli per affrontare i rischi del commercio on-line presenti sul sito www.carabinieri.it, tra cui uno dei più importanti e’ certamente quello di non fornire i propri dati personali se non si e’ sicuri riguardo alle motivazioni d’uso e non si hanno garanzie sufficienti sulle modalità di protezione degli stessi da accessi indesiderati e non autorizzati. controllare che ci siano garanzie per il trattamento dei dati personali. il personale delle stazioni carabinieri dislocate sul territorio e’ sempre a disposizione per ogni dubbio o consiglio.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti