facebook twitter rss

Bandiera Lilla per un turismo vicino ai disabili, chi l’ha vista? La Malaigia chiede spiegazioni alla Regione

REGIONE - Interrogazione della consigliera della Lega sulla situazione del progetto nato nel 2012, nella quale si chiede quanti Comuni abbiamo presentato domanda per l'assegnazione del riconoscimento
giovedì 17 maggio 2018 - Ore 11:24
Print Friendly, PDF & Email

Che fine ha fatto la Bandiera Lilla? È la domanda che si ponte Marzia Malaigia, consigliere regionale della Lega. “Il progetto è nato nel 2012 con l’obiettivo di favorire il turismo da parte di persone con disabilità, premiando e supportando quei Comuni che, con lungimiranza, prestano una particolare attenzione a questo target turistico. L’iniziativa è stata accolta con grande interesse da diverse Regioni italiane, che hanno visto in esso uno strumento in grado di coniugare il sostegno e la promozione sociale con il marketing turistico, operando sia in funzione sociale sia di rilancio dell’economia. L’obiettivo dell’accessibilità – prosegue la Malaigia – richiede il concorso di più elementi relativi alle strutture, ai trasporti, alla disponibilità di servizi socio-assistenziali e sanitari, all’assenza di barriere architettoniche, fisiche e culturali. Iniziative come Bandiera Lilla consentono sia il riconoscimento delle offerte più attente ed accessibili, sia un processo di miglioramento delle strutture e dei servizi”.

Ma è sullo stato di attuazione di questa iniziativa che è diretta l’interrogazione presentata dalla stessa consigliera, “per conoscere quanto il presidente della Regione Marche e la Giunta abbiano messo in atto sino ad ora, al fine di adempiere all’impegno preso con l’approvazione all’unanimità della mozione del novembre scorso, proprio sulla adesione ufficiale al progetto Bandiera Lilla”.

Nell’atto ispettivo si chiede conto di quanti Comuni abbiano presentato domanda per l’assegnazione di tale riconoscimento e se è stata avviata un’indagine relativa alla diffusione delle informazioni sull’accessibilità rivolte alle strutture, affinché si possano realizzare gli interventi richiesti per promuovere percorsi al fine di dare un sostegno al “turismo disabile”.

“Se fino ad ora non fosse stata assegnata alcuna Bandiera Lilla – conclude la Malaigia – o peggio ancora se nessuna delle Amministrazioni comunali della nostra Regione avesse ancora presentato domanda per l’assegnazione, ci si dovrebbe domandare se come Regione si è fatto di tutto affinché venisse divulgato ed adeguatamente promosso tale ‘protocollo sociale e turistico’ e se non sia il caso di correggere il tiro in quello che è l’impegno che dovrebbe essere profuso in tal senso dall’istituzione regionale”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X