facebook twitter rss

I fondi per le periferie non si sbloccano,
Anci sul piede di guerra
Calcinaro: “Da Governo poca serietà”

POLITICA - Per l'Associazione Nazionale Comuni Italiani il Governo Conte ha disatteso gli impegni presi. Il sindaco di Fermo, dopo il cauto ottimismo di ieri, imputa all'esecutivo nazionale "poca serietà istituzionale nel rapporto con i Comuni"
giovedì 20 settembre 2018 - Ore 18:19
Print Friendly, PDF & Email

di Andrea Braconi

Nulla da fare: i fondi per il Bando Periferie restano al palo. E l’Anci, come annunciato, alza la voce. “Avevamo dato tempo al presidente Conte di approfondire tematiche che necessitavano della sua attenzione ma ora è chiaro che non c’è la volontà di rispettare gli impegni presi – ha affermato in una nota Maurizio Mangialardi, presidente di Anci Marche – e quindi non c’è altra via che la sospensione di ogni relazione istituzionale. Avevamo chiesto che il Governo riconsegnasse i fondi legittimamente destinati ai 96 progetti, compresi i progetti che la zona Archi di Ancona, (intervento da 16 milioni di euro), Lido Tre Archi a Fermo (per 9 milioni), il Centro Fiere di Villa Potenza (per 12 milioni), l’intervento a Ponte Armellina e l’edilizia pubblica a Canavaccio in Urbino (per 6,5 milioni) e la riqualificazione a Pesaro tra via dell’Acquedotto e la stazione con sottopasso dei Cappuccini con la pista ciclo-pedonale (per 6,5 milioni) e così non è stato. Siamo molto amareggiati perché la decisione danneggia la riqualificazione di tante periferie e disattende accordi presi e contratti firmati. Ci attendevamo ben altro senso dello stato e della correttezza”.

Amareggiato Paolo Calcinaro, primo cittadino di Fermo, che proprio ieri aveva manifestato a Cronache Fermane un cauto ottimismo per l’evolversi della situazione (LEGGI QUI). “Basterebbe ascoltare le parole del presidente Conte per capire come il Governo non si può sottrarre dall’impegno – commenta dopo aver ricevuto la notiza -: certo che convocare la conferenza con il punto periferie all’ordine del giorno per poi ritirarlo in sede è un segnale di poca serietà istituzionale nel rapporto con i Comuni. Come Anci andremo fino in fondo, istituzionalmente o giudizialmente”.

 

Risorse per Lido Tre Archi, Calcinaro più fiducioso: “Presto potrebbe arrivare la nuova norma”


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X