fbpx
facebook twitter rss

Coronavirus, Anpas: “Attenzione,
non facciamo tamponi porta a porta”,
occhio anche alle telefonate sospette

ALLERTA - L'associazione nazionale pubbliche assistenze: "Si raccomanda di non far entrare tali persone in casa e di allertare immediatamente le forze dell’ordine" che restano al servizio dei cittadini. Il numero principale per avere informazioni sul Coronavirus è il 1500
Print Friendly, PDF & Email

E come avviene praticamente in ogni situazione in cui le persone sono particolarmente sensibili, spuntano gli ‘sciacalli’. Ed è l’Anpas, l’associazione nazionale pubbliche assistenze a mettere in guardia la cittadinanza

“Sono pervenute diverse segnalazioni da cittadini e associazioni – spiegano dall’Anpas – rispetto alla presenza in alcuni Comuni di persone in divisa che si qualificano come volontari di associazioni di soccorso che vogliono introdursi nelle abitazioni con la scusa di effettuare il test con tampone orale per la rilevazione del contagio di Coronavirus Covid-19.

Tale attività non ha nulla a che vedere con le pubbliche assistenze Anpas e le associazioni correlate. Si raccomanda di non far entrare tali persone in casa e di allertare immediatamente le forze dell’ordine”. Insomma se qualcuno suona al citofono o telefona dicendo di voler sottoporre l’inquilino di turno al tampone, beh sicuramente ha altre, e di certo non buone, intenzioni. Dunque non aprire la porta e allertare subito le forze dell’ordine che in questi giorni, anche nel Fermano, stanno ricevendo molte telefonate dai cittadini proprio per avere informazioni sul Coronavirus. Le forze dell’ordine, con i loro numeri d’urgenza, sono sempre a disposizione della cittadinanza anche se il numero principale per avere informazioni e delucidazioni sul Covid 19 resta il 1500“.

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X