facebook twitter rss

Pelle e smog: come combattere
gli effetti dell’inquinamento

Ci sono svariate problematiche causate dallo smog che possono portare a conseguenze più gravi come le infiammazioni cutanee, la secchezza della pelle e la perdita di due elementi fondamentali come il collagene e l’elastina
Print Friendly, PDF & Email

Lo smog può diventare un pericolo per la salute della nostra pelle, dato che è in grado di causarle diversi problemi. Tutti i particolati presenti nell’aria inquinata, infatti, tendono a depositarsi sulla nostra cute, otturando i pori ed impedendo la corretta ossigenazione della pelle.

Spesso accade che i radicali liberi portano verso la comparsa di inestetismi come le rughe e le macchie, per via dell’invecchiamento precoce dei tessuti, ma non solo. Ci sono svariate problematiche causate dallo smog che possono portare a conseguenze più gravi come le infiammazioni cutanee, la secchezza della pelle e la perdita di due elementi fondamentali come il collagene e l’elastina.

 

Come proteggere la pelle dallo smog

È chiaro che chi vive in città è maggiormente soggetto ai rischi dello smog, per via di un’esposizione all’aria inquinata continuata e massiccia.

Ci sono comunque dei metodi utili per proteggere la propria pelle dall’attacco delle microparticelle inquinanti, iniziando da una buona abitudine che non si dovrebbe mai sottovalutare: la pulizia e la detersione del viso. In questo senso, si consiglia di seguire le linee guida di una corretta pulizia del viso fornite da Eucerin, tra i più esperti in questo settore.

Un altro elemento molto importante per la salute della pelle è l’abitudine di indossare una crema protettiva prima di uscire di casa, la mattina, e che sia in grado di creare un film durevole per schermare la cute dall’azione delle particelle inquinanti.

Sicuramente poi non sono da sottovalutare le labbra che andrebbero protette ad esempio con un prodotto a base di vitamina E, la migliore per questo scopo. Per quanto riguarda il make up, invece, sarebbe meglio selezionare un fondotinta naturale, ancora una volta per una questione di protezione, e perché non acuisce le possibili irritazioni. Infine, sì all’idratazione costante, che dovrebbe avvenire non solo tramite l’applicazione delle creme e degli altri rimedi topici, ma anche bevendo almeno 2 litri di acqua al giorno.

 

Il segreto è essere regolari e costanti

La pulizia del volto andrebbe fatta in modo costante e regolare, per poter assicurare alla pelle una reale detersione.

Bisogna fare anche attenzione a non confondere pulizia e detersione che sono due cose diverse: la seconda è una routine più blanda, mentre la prima è un’azione mirata contro le particelle potenzialmente pericolose come quelle che si depositano a causa dello smog. Con la pulizia si evitano gli accumuli non solo di batteri, ma anche di sebo, e inoltre serve scegliere dei prodotti adatti al proprio tipo di pelle. Per quanto concerne la frequenza, meglio farla dalle 3 alle 4 volte l’anno.

(Guest Post)


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti