facebook twitter rss

“Il Tempo dell’Incontro, educare alla pari dignità (anche) nell’era digitale” per capire donne e giovani

FERMO - Gli incontri si terranno a partire da domani, fino a mercoledì 17 novembre, presso la Sala Montalcini di Palazzo Sagrini (adiacente alla sede Solgas) a Fermo. Si inizierà con l’intervento del prof. Marco Brusati incentrato sull’esposizione femminile sui social network
Print Friendly, PDF & Email

di Alessandro Luzi

“Il Tempo dell’Incontro – educare alla pari dignità (anche) nell’era digitale”, organizzato dall’Associazione Amici Opera Don Ricci onlus, con il patrocinio ed il contributo del Comune di Fermo – Assessorato Pari Opportunità, con il patrocinio della Provincia di Fermo, dell’Ambito Sociale XIX, dell’Arcidiocesi di Fermo, di Famiglia Nuova e della Parrocchia di Santa Caterina, con la collaborazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Fermo. Cinque appuntamenti dedicati al tema del rispetto reciproco, della dignità e della parità di tutti i soggetti. L’intento è di offrire un’attenta analisi delle spinte culturali sotterranee nei confronti delle donne, in particolare delle giovanissime, al fine di conoscere quelle spinte, comprenderle, e nella negatività rimuoverle o limitarne l’azione.


“Il rapporto famiglie-genitori è sempre una questione di rilievo per la nostra società – introduce la conferenza il sindaco, Paolo Calcinaro – Già nel 2019 ci trovavamo in una emergenza educativa, la pandemia ha sicuramente aggravato queste problematiche. Questo ciclo di appuntamenti rappresenta una reazione necessaria alle criticità presenti nel mondo giovanile e non solo. Ricordo l’importanza delle opere pubbliche rivolte agli adolescenti per fornire loro un’opportunità di aggregazione alternativo alla noia”.
Gli incontri si terranno a partire da domani, fino a mercoledì 17 novembre, presso la Sala Montalcini di Palazzo Sagrini (adiacente alla sede Solgas) a Fermo. Si inizierà con l’intervento del prof. Marco Brusati incentrato sull’esposizione femminile sui social network.

“Ci premeva dedicare l’attenzione adeguata ai ragazzi e alle famiglie in un momento così complesso da gestire – spiega la Presidente dell’associazione Amici dell’opera di Don Ricci, Giovanna Ferracuti – Questo è già il terzo ciclo di conferenze e speriamo siano di aiuto sia per i ragazzi che per i genitori”.
Sicuramente ai genitori desta preoccupazione l’incomprensione di alcuni valori dei propri figli, assorbiti dalle piattaforme social in modo autonomo e spesso incontrollato. Su questo riflettono all’unisono l’assessore alle politiche culturali, Micol Lanzidei, e l’assessore alle politiche sociali, Mirko Giampieri: “Anche noi abbiamo difficoltà ad interpretare alcuni elementi del mondo dei nostri figli. Questo ciclo di conferenze è di fondamentale importanza in quanto fornisce gli strumenti per provare ad indirizzare ad alcuni comportamenti degli adolescenti e aiutarli a proteggersi autonomamente dalla massa incontrollata dei contenuti del web”.
La conferenza si è chiusa con un invito di Suor Annunziata: “Mi auguro che anche i genitori vengano ad assistere a questi appuntamenti. Negli anni passati abbiamo riscontrato la presenza di insegnanti, assistenti sociali ma pochi genitori. È una importante occasione di confronto per tutti”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti