facebook twitter rss

Edilizia scolastica,
l’Inail investirà 14,6 milioni nelle Marche

REGIONE - Lo comunica la vicepresidente Anna Casini: «In un periodo di scarsità di risorse, era un’occasione da cogliere». Si sta predisponendo la procedura di selezione delle manifestazioni d’interesse tra quelle già trasmesse dagli enti locali
mercoledì 22 novembre 2017 - Ore 13:00
Print Friendly, PDF & Email

Anna Casini, vicepresidente della Regione

 

Dopo i 4,2 milioni di euro per realizzare tre nuovi poli per l’infanzia (strutture scolastiche da 0 a 6 anni), l’Inail investirà altri 14,6 milioni nelle Marche per costruire nuovi edifici scolastici innovativi sotto il profilo architettonico, del risparmio energetico e dei sistemi educativi. Lo comunica la vicepresidente della Regione Anna Casini, assessore all’edilizia scolastica. L’Istituto investirà 100 milioni nelle dieci regioni che hanno aderito al relativo programma. «Le Marche ci sono, perché non abbiamo voluto perdere questa opportunità per qualificare le strutture educative locali – ha detto Casini – In un periodo di scarsità di risorse, era un’occasione da cogliere che si inquadra nel progetto complessivo regionale di potenziare le infrastrutture scolastiche con soluzioni avanzate». I fondi sono previsti da un decreto della presidenza del Consiglio dei ministri relativo agli investimenti immobiliari Inail. La Regione sta predisponendo la procedura di selezione delle manifestazioni d’interesse tra quelle già trasmesse, a gennaio 2017, da parte degli enti locali. Nel selezionare gli interventi proposti, la Regione dovrà verificare la piena disponibilità dell’area, la sua conformità urbanistica e l’assenza di vincoli o contenziosi che impediscano l’edificazione. Il progetto di investimento non dovrà risultare inferiore a 3 milioni di euro, comprensivi del costo totale dei lavori effettuati, dell’acquisizione dell’area, della progettazione, di ogni altra spesa sostenuta per la realizzazione dell’opera, compresa l’Iva. Rimangono escluse le spese per indagini preliminari, arredi, allestimenti e attrezzature per la didattica, collocazione temporanea degli alunni, eventuale demolizione di fabbricati esistenti e bonifica dell’area. Appositi accordi regoleranno i rapporti tra Inail, Regione ed enti destinatari degli interventi. Sarà possibile stipulare con l’Inail un contratto di “Rent to buy” che prevede il riscatto dell’immobile decorso un periodo minimo di venti anni. I requisiti di accesso all’iniziativa devono essere posseduti al momento della verifica della compatibilità tecnica, economica e finanziaria dell’investimento da parte dell’Inail. In caso di esito negativo, il progetto non sarà ammesso a finanziamento.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X