facebook twitter rss

Sola col suo maremmano
contro i ladri: il racconto
di Myriam Marcelli

SANT'ELPIDIO A MARE - La donna che ha messo in fuga i ladri stanotte a Bivio Cascinare, con l'aiuto del suo cane, ripercorre la nottata appena trascorsa: "Mi dicono che ho avuto coraggio, ma ero terrorizzata"
martedì 7 Maggio 2019 - Ore 13:28
Print Friendly, PDF & Email

Myriam Marcelli

di Pierpaolo Pierleoni

“Mi dicono tutti che ho avuto coraggio. In realtà ero terrorizzata. Non avevo cose di valore, il primo pensiero è stato per i miei animali”. Myriam Marcelli racconta così la disavventura vissuta la notte scorsa, quando intorno alle 2, rincasando, ha trovato la casa a soqquadro e sentito rumori nel reparto notte, segno inequivocabile della presenza di ladri. Myriam è la titolare della scuola di danza orientale I veli della luna, a Bivio Cascinare. Ieri, in una nottata segnata da svariati tentati furti, ha continuato i suoi corsi al piano terra dell’edificio dove è avvenuto il tentato furto, fino alla tarda serata. Poi è salita al secondo piano, nell’appartamento della sorella, per cenare ed era ormai notte inoltrata quando è scesa nella sua abitazione.

“Il soggiorno era un disastro, ante e cassetti aperti, oggetti e foto gettati ovunque alla rinfusa – ricorda la donna – Ho sentito dei rumori nelle camere, è successo tutto in pochi secondi, ho preso una pistola anti-aggressione che mi è stata regalata e spara un liquido urticante, poi sono scesa ed ho preso Luna, il mio pastore maremmano, e l’ho fatta salire. Ho chiuso tutte le porte dietro di me, in modo che nessuno mi potesse aggredire alle spalle e insieme al cane sono andata verso le stanze. Luna, appena ha avvertito la presenza di estranei, si è lanciata ringhiando e sicuramente questo li ha messi in fuga. Non sono riuscita a vederli in faccia, sono fuggiti dalla terrazza e sono saltati di sotto”. Subito dopo è arrivata la chiamata ai carabinieri, che hanno perlustrato tutto il quartiere. Rinvenuto anche un paio di pinze adoperate verosimilmente per penetrare in casa.

I ladri erano entrati da una finestra, con ogni probabilità si sono arrampicati dal lato strada, dato che dal versante opposto ci sono i cani della donna, che si sarebbero certamente accorti della loro presenza. Una volta forzati gli infissi, e tagliato una catenella d’acciaio, sono riusciti ad entrare. Hanno forzato anche con un grimaldello la porta di un bagno che era chiuso a chiave ormai da un anno, quando la mamma di Myriam è venuta a mancare. Hanno lasciato danni e disordine, ma non sono riusciti a trafugare nulla. “In casa non ho oggetti di grande valore, infatti non ho pensato nemmeno per un secondo alla refurtiva – continua l’insegnante di danza – Quello che fa male è vedere la propria casa violata, lo spregio con cui hanno gettato via oggetti e foto che magari non hanno valore economico, ma affettivamente per me contano tanto. Non so quante persone fossero, sicuramente più di una, un ladro solitario per mettere tutto sottosopra in quel modo avrebbe impiegato qualche ora”.

Una brutta esperienza per fortuna con un epilogo positivo, ed una conferma di piccoli accorgimenti che possono fare la differenza. “C’è chi non vuole gli animali o preferisce non tenerli per questioni di igiene. Stavolta la mia Luna probabilmente mi ha salvato la vita, preferisco avere un po’ di peli in casa, ma poter contare su questi amici preziosi. Inoltre, quando quella pistola anti-aggressione mi è stata donata, quasi ho preso in giro chi me l’aveva regalata. Oggi invece dico che avere uno strumento in grado di proteggermi qualora mi fossi trovata faccia a faccia con quei delinquenti, mi ha fatto sentire più sicura”.

Raffica di tentati furti nella notte, carabinieri a caccia dei banditi


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X