facebook twitter rss

Zona arancione, non hanno la mascherina
o si rifiutano di indossarla perché
‘anticostituzionale’: scattano le prime sanzioni

ZONA ARANCIONE - Dalla mezzanotte scorsa, controlli a tappeto da parte della Polizia. Già quattro le sanzioni elevate, a due automobilisti e a due donne che si sono rifiutate di indossare la mascherina perché "anticostituzionale"
Print Friendly, PDF & Email

Dalla mezzanotte scorsa, in base al decreto del Ministro della Salute del 13 novembre, anche la nostra Regione è entrata nella lista delle Zone arancione. Si sono fatti ancora più stringenti, di conseguenza, anche i controlli per il rispetto delle disposizioni previste dagli articoli 1 e 2 del Dpcm del 3 novembre che prevedono particolari restrizioni sia allo spostamento delle persone che alle attività economiche, misure finalizzate al contrasto della diffusione della pandemia che ha, negli ultimi tempi e anche nel Fermano, fatto rilevare un costante aumento dei soggetti riscontrati positivi al virus e di decessi causati dalla patologia virale. Tutte le forze di polizia presenti sul territorio e le Polizie Locali hanno, da questa notte, incrementato i controlli a difesa della salute dei cittadini. Anche la Polizia di Stato ha incrementato ulteriormente le pattuglie impegnate nel controllo del territorio per fornire le corrette informazioni su questa situazione difficile per tutti ma anche per sanzionare quei comportamenti che mettono a rischio la salute dei cittadini e tentare di arginare la sempre maggiore diffusione della pandemia nel nostro territorio.

“Nelle prime ore di oggi, la Volante – il primo report della Questura nella fase da zona arancione – ha fermato sul litorale una vettura che procedeva a bassa velocità superando spesso la linea di mezzeria stradale ed invadendo più volte la corsia opposta. Alla guida un cittadino straniero il quale, sceso dalla vettura, è parso in difficoltà nel rimanere in piedi e a parlare. Il conducente ha confermato di aver ecceduto nell’assunzione di bevande alcoliche e tale situazione è stata confermata dalla donna che era con lui in auto. L’uomo è stato invitato dagli agenti della Questura a sottoporsi alla prova dell’alcooltest ma si è categoricamente rifiutato, avvicinandosi più volte ai poliziotti senza indossare la mascherina di protezione. Più volte invitato a mantenere la distanza interpersonale di sicurezza, l’uomo ha perseverato nei suoi comportamenti. Gli operatori della Volante, pertanto, hanno proceduto a denunciarlo all’autorità giudiziaria per il rifiuto a sottoporsi alla prova dell’alcolemia, al ritiro della patente di guida mentre la vettura è stata affidata al legittimo proprietario, che è stato chiamato sul posto e che l’aveva prestata allo straniero. Il guidatore è stato sanzionato per la indisponibilità dei dispositivi di protezione prescritti e per il mancato rispetto della distanza di sicurezza.

Alle ore 3, un’altra Volante ha controllato una vettura in transito per verificare il rispetto della normativa concernente il divieto di spostamento notturno. All’uomo alla guida, che ne era sprovvisto, è stato fornito per la compilazione il modulo di autodichiarazione relativo, in questo caso, alla necessità di spostamento per motivi di lavoro, per i quali verranno effettuati i previsti successivi accertamenti di legittimità. Però, sceso dalla sua vettura, è stato invitato ad indossare la mascherina di protezione che non aveva al seguito; per tale mancanza è stata elevata nei suoi confronti la sanzione amministrativa prevista.

Due ulteriori sanzioni, questa mattina – concludono dalla Questura – elevate nei confronti di due giovani donne dell’est Europa non conviventi identificate durante un posto di controllo a Porto San Giorgio. Alla richiesta dei poliziotti di indossare la mascherina di protezione, le donne si sono assolutamente rifiutate sostenendo che la normativa relativa all’utilizzo dei dispositivi di protezione è ‘anticostituzionale’. Anche oggi proseguiranno i servizi interforze disposti dal Questore di Fermo per assicurare a tutti il rispetto delle disposizioni normative, ancora più stringenti a seguito dell’ingresso della nostra Regione nella Zona arancione, con l’obbiettivo di contrastare la diffusione dell’epidemia”.




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti