fbpx
facebook twitter rss

Se ne va in giro con l’auto
targata ‘Regno sovrano di Gaia’
,
sanzionato dalla Polizia stradale

FERMANO - Controlli a tutto campo della Polstrada. Sono state identificate 123 persone e fermati 95 veicoli i cui conducenti sono stati tutti sottoposti ai controlli per l’abuso dell’alcool e della droga
Print Friendly, PDF & Email

di redazione CF

Se ne va in giro con l’auto targata ‘Regno sovrano di Gaia”. Non sfugge all’occhio della Polizia stradale di Fermo che lo ha così sanzionato l’uomo. Ma andiamo per ordine perché lo strano caso è nella lista di una serie di attività e controlli effettuati dalla Polstrada di Fermo negli ultimi giorni.

Proseguono, infatti, i controlli della sezione Polizia Stradale di Fermo sulle strade della Provincia per contrastare l’abuso di alcol e sostanze stupefacenti durante la guida.
“Nel corso del fine settimana, infatti – il report diffuso dalla Stradale – sono stati predisposti specifici posti di controllo finalizzati a perseguire comportamenti pericolosi alla guida, spesso causa di incidenti, come quello di mettersi alla guida di un veicolo dopo aver bevuto bevande alcoliche o assunto sostanze stupefacenti.
Nel bilancio dell’attività figura l’identificazione di 123 persone, fermati 95 veicoli i cui conducenti sono stati tutti sottoposti ai controlli per l’abuso dell’alcool e della droga a seguito dei quali sono state contestate 15 violazioni al codice della strada di cui 10 di natura penale. Sette conducenti multati e denunciati avevano meno di 25 anni e di questi due avevano assunto anche sostanze stupefacenti. Nel corso del servizio sono state ritirate 15 patenti di guida e detratti complessivamente 239 punti dalle patenti”. Poi quel caso singolare, con un automobilista alla guida di una vettura dall’insolita targa.

“Nei controlli effettuati dai poliziotti della Stradale è anche incappato un cittadino privo di documenti e alla guida di una autovettura con targa riportante la dicitura ‘Regno sovrano di Gaia’ i cui cittadini, che hanno proclamato la loro sovranità, rivendicano il diritto – ricordano dalla questura di Fermo – ad esercitare il libero arbitrio, e dunque disconoscono la Repubblica Italiana e qualunque sua emanazione, autorità pubblica, forze dell’ordine e Tribunali compresi. Il conducente è stato, dunque, sanzionato per tutta una serie di infrazioni al Codice della Strada”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X