facebook twitter rss

Covid: deceduti un uomo e una donna
al Murri, dal primo dicembre sospeso il ricovero
nelle strutture extraospedaliere Av4

FERMANO - Dall'Av4: "Questa decisione, firmata stamattina dal direttore di Distretto, Vittorio Scialè, e dal referente per l’Av4 dell’Uos cure intermedie, Diego Illuminati, deriva dalla difficoltà, a partire dal mese prossimo, di garantire la disponibilità di personale infermieristico"
Print Friendly, PDF & Email

“Nelle ultime 24 ore ci sono stati due decessi, una donna di 76 anni residente a Porto San Giorgio ed un uomo di 80 anni di Porto Sant’Elpidio. Due i pazienti dimessi. (al Murri) 31 pazienti a Malattie infettive, 7 in terapia intensiva, 22 in Medicina covid  e 4 al pronto soccorso”. E’ quanto fanno sapere dall’Area vasta 4 nel quotidiano bollettino medico. Nel bollettino medico diramato dal Servizio Sanità della Regione, figurano, come deceduti nelle ultime ore, due anziani, entrambi residenti a Porto San Giorgio, ossia una donna di 84 anni e un uomo di 83. Tutti e due presentavano patologie pregresse.

“Sarà temporaneamente bloccato, a partire dal 1 dicembre, il ricovero di pazienti nelle strutture extraospedaliere dell’Area Vasta 4 area anziani, vale a dire – aggiungono dall’Av4 – il reparto di cure intermedie di Montegiorgio, le Rsa di Amandola, Petritoli e Montegranaro. Faranno eccezione i casi di utenti privi di qualsiasi sostegno familiare, per i quali non sono individuabili altre soluzioni assistenziali adeguate. Si ricorda che per altra struttura analoga, le Cure intermedie di Sant’Elpidio a Mare, con 20 posti letto, è in corso la riconversione in Rsa Covid per malati postacuti di Covid-19. Questa decisione, firmata stamattina dal direttore di Distretto, Vittorio Scialè, e dal referente per l’Av4 dell’Uos cure intermedie, Diego Illuminati, deriva dalla difficoltà, a partire dal mese prossimo, di garantire la disponibilità di personale infermieristico.
La sospensione dei ricoveri, che rimarrà in vigore fino a nuova comunicazione, si accompagna alla rivalutazione dei quadri assistenziali e dei Pai (piano assistenziale individualizzato) di tutti i pazienti attualmente ospiti di Rsa e Cure intermedie. Qualora le condizioni sociosanitarie ne permettano la gestione a domicilio, tramite supporto dell’Assistenza domiciliare integrata, si dispone di procedere alla dimissione dei degenti”.



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti