facebook twitter rss

Il sottosegretario alla salute Costa a Sant’Elpidio: «Qui vedo il senso della nuova sanità, serve fare squadra»

SANT'ELPIDIO A MARE - L'esponente di Governo: «Solo attraverso la rete si allenta la pressione su ospedali e Pronto soccorso, perché non è vero che il problema è solo la carenza di personale. Sono fondamentali le strutture territoriali per fare da filtro»
Print Friendly, PDF & Email

di redazione CF

Il sottosegretario del Ministero della salute Andrea Costa è arrivato nel tardo pomeriggio in visita alla struttura ospedaliera di Sant’Elpidio a Mare. Ad accoglierlo c’era il direttore dell’Area vasta 4 Asur, Roberto Grinta. Presenti anche i consiglieri regionali Elena Leonardi, Marco Marinangeli, Andrea Putzu e l’on. Mauro Lucentini. «Tutti dobbiamo riorganizzare una sanità che si prenda cura della persona e non solo della malattia – ha rimarcato – Qui a Sant’Elpidio a Mare vedo racchiuso il senso della nuova sanità, chiamata a fare squadra. Va dato merito ai medici di base che collaboreranno qui e rappresenteranno un tassello fondamentale. Solo attraverso la rete si allenta la pressione su ospedali e Pronto soccorso, perché non è vero che il problema è solo la carenza di personale. Sono fondamentali le strutture territoriali per fare da filtro».

Quello dell’ingresso dei medici di base alla struttura, di cui si parla da tempo, è un progetto prossimo a concretizzarsi e, come sottolinea il direttore Grinta, «è un aspetto a cui il sottosegretario Costa ha prestato particolare attenzione, perché la presenza dei medici porterà una riorganizzazione che va nella direzione della continuità assistenziale e di un innovativo approccio della medicina territoriale». Grinta ha illustrato all’esponente del governo un report dell’attività svolta a Sant’Elpidio a Mare, in particolare sulla radiodiagnostica «che a metà 2022 viaggia già intorno alle 6.000 prestazioni».

Hanno preso in coda la parola gli esponenti della Regione, a partire dal consigliere Putzu, che ha parlato del lavoro in commissione sanità «per ampliare qui a Sant’Elpidio a Mare la Potes h24, ci auguriamo di ottenerla entro fine anno, insieme ad un potenziamento della radiodiagnostica a cui la direzione sta già lavorando». Secondo Lucentini «la medicina del territorio torna in prima linea, qui a Sant’Elpidio a Mare sono stati assegnati ben 2,4 milioni di euro dai fondi del Pnrr e si è raggiunto un accordo lodevole per far entrare i medici di base». Per il consigliere Marinangeli,
«Sant’Elpidio dimostra un’azione politica volta a portare servizi di prossimità ai cittadini. I fondi Pnrr al Fermano per la sanità hanno la percentuale più elevata delle Marche, una dimostrazione di attenzione a questo territorio». Per la presidente della commissione sanità Elena Leonardi, «siamo e vogliamo mostrare al sottosegretario Costa un modello positivo, la pandemia ha evidenziato la mancanza di sinergia tra parte ospedaliera e territoriale e qui a Sant’Elpidio c’è la testimonianza della sanità del futuro da ridisegnare».

 




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti