facebook twitter rss

FantaSanremo, il gioco che da Porto Sant’Elpidio ha conquistato l’Italia

PORTO SANT'ELPIDO - Partito come un gioco goliardico, pensato da una cerchia ristretta di amici, e diventato ormai diffuso a livello nazionale. È il caso del FantaSanremo che ad oggi conta circa 77 mila squadre e 11 mila leghe. Giacomo Piccinini, uno degli ideatori: «Nato dalla voglia di divertirsi»
Print Friendly, PDF & Email

 

 

di Alessandro Luzi

Partito come un gioco goliardico, pensato da una cerchia ristretta di amici, e diventato ormai diffuso a livello nazionale. È il caso del FantaSanremo, oggetto addirittura di una tesi di Laurea in Marketing alla Luiss di Roma. Ad oggi conta circa 77 mila squadre e 11 mila leghe ma i numeri sono destinati a salire in quanto le iscrizioni scadranno lunedì 31 gennaio alle ore 23.59. Il countdown è presente nella home del sito ufficiale https://fantasanremo.com/ . «È un fantagioco che prende spunto dal fantacalcio – spiega Giacomo Piccinini, uno degli ideatori – la squadra deve essere formata da 5 artisti presenti nel palinsesto del Festival della Canzone Italiana, si nomina un capitano, e a seconda di ciò che accade durante i 5 giorni della manifestazione, verranno applicati loro i bonus ed i malus previsti dal regolamento ufficiale. La somma dei punteggi accumulati determina la posizione in classifica finale di ogni squadra. La scelta del capitano va valutata attentamente in quanto nell’ultima puntata riceverà il doppio dei bonus e dei malus rispetto agli altri artisti». Per formare la propria squadra si hanno a disposizione 100 Baudi, la valuta del FantaSanremo. Il prezzo di ogni cantante è stato valutato dai membri della Fif, ovvero la giuria ufficiale. Insomma, un’organizzazione certosina con l’intento di divertirsi e far divertire. Ma con quale criterio sono state valutati gli artisti? «Ci siamo basati sulle quotazioni dei bookmakers. Poi ci aggiungiamo le possibilità di accumulare bonus o malus. I più quotati, quindi i più onerosi, sono i favoriti per la vittoria del Festival, ovvero Mahmood e Blanco, Elisa ed Achille Lauro. Inoltre, per via delle loro performance sempre eclettiche e stravaganti, possono accumulare molti bonus. Tra i meno quotati abbiamo inserito i giovani, ancora poco noti, e i big del passato ma sfavoriti sia per la classifica del Festival che per il FantaSanremo».

Scorrendo il regolamento si possono leggere gli episodi che faranno scattare l’applicazione dei bonus e dei malus. Si va dal + 30 per il primo classificato, il +20 e il +25 per gli artisti “dignitosamente brilli” e per chi esibisce gesti provocatori verso il pubblico. Si arriva ad assegnare 50 punti se un cantante dovesse essere inseguito dalle forze dell’ordine durante il festival. Invece i malus possono riguardare una eventuale caduta sulla scala dell’Ariston, una positività al Covid durante la manifestazione e discorsi o battute di carattere discriminatorio. Inoltre colui che durante l’esibizione subirà una eventuale invasione di palco di Papalina acquisirà 100 punti. Ma chi è Papalina? «Vogliamo esportare e diffondere l’attitudine del Bar Corva da Papalina (a Porto Sant’Elpidio) e il nostro sogno è di raggiungere il Festival dei fiori – continua Giacomo -. È il luogo in cui è nato il FantaSanremo ma anche molte amicizie. È il nostro punto di aggregazione. Lì si organizzano cene, feste, ed è il luogo ideale per bere una birra in compagnia. Per omaggiare “Papalina” (soprannome di Nicolò Peroni) vogliamo incentivare gli artisti in gara a pronunciare il suo nome in diretta, oppure potremo attenderci una sua invasione di palco…chissà». Il gioco si è diffuso anche tra i big del Festival e molti hanno già citato durante le dirette sui social «Quando Gianni Morandi si dimostra felice perché alcuni lo hanno scelto come capitano – ricorda – si percepisce la dimensione mediatica della competizione». Ovviamente anche il FantaSanremo ha sia la pagina Facebook che la pagina Instagram e le dirette social dello scorso anno sono state effettuate dal Teatro delle Api di Porto Sant’Elpidio, dove si era riunita la Fif. «Ringraziamo il sindaco di Porto Sant’Elpidio, Nazzareno Franchellucci, ed il consigliere regionale, Andrea Putzu, in quanto si erano adoperati per trovarci una location adeguata alle normative antiCovid dello scorso anno.  Quest’anno però, pandemia permettendo, prevediamo un ritorno nella casa del FantaSanremo, ovvero al Bar da Papalina ed il sogno è di portare fisicamente il bar a Sanremo». Insomma, è un gioco in grado di creare aggregazione attraverso il divertimento e l’ironia. Quindi, baudi in mano pronti a formare la squadra in grado di accumulare più bonus.




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti