facebook twitter rss

Covid, andamento in “fase di stabilizzazione”: Fermo e Ascoli maglia nera per aumento dei casi in una settimana

CORONAVIRUS - E' quanto riferisce il Servizio Sanità regionale, insieme all'ultimo aggiornamento. I nuovi positivi, registrati nelle ultime 24 ore sono in regione 444, di cui 47 nel Fermano. Nelle Marche, il 49,7% dei contagiati è vaccinato con doppia dose e l'età media è di 42 anni
Print Friendly, PDF & Email

 

La curva pandemica da Coronavirus registra – seppure con l’aumenti dei casi, 444 in più oggi 4 dicembre  – un andamento in fase di  stabilizzazione, secondo quanto riporta il Servizio Sanità della Regione Marche.

Nella settimana appena trascorsa sono stati rilevati 2.250 casi di positività conti i 2.107 di quella precedente, attestando quindi la crescita al 6,7% (le settimane passate la crescita era stata del 30, anche 35%).

Ascoli e Fermo detengono però il primato della maggiore incidenza, seguite da Ancona, Pesaro e Urbino e, con meno casi, Macerata.

Nei positivi di oggi il 49,7% è vaccinato con doppia dose. L’età media dei casi positivi è di 42 anni.

E’ quanto emerge dal quotidiano bollettino regionale, in base ai tamponi analizzati nelle ultime 24 ore: 6.520 di cui 3.919 nel percorso nuove diagnosi. I nuovi casi sono stati rilevati nel Piceno (105), nel Fermano (47), nel Pesarese (92), nell’Anconetano (118), nel Maceratese (74) e 18 da fuori regione.

Tra tutti i nuovi casi, 105 sono stati trovati tra i contatti stretti dei positivi già conclamati, 124 dai contatti domestici e 75 a seguito di approfondimento diagnostico. I sintomatici in regione sono 111.

Il più alto numero di positivi al Covid è tra la fascia di età 45-49 anni (105), mentre 93 hanno età compresa tra 25 e 44 anni. Solo 3 nella fascia 0-2 anni.

Il tasso cumulativo per 100.000 abitati è pari a 187,01.

Le Rianimazioni Covid sono occupate per il 74% da pazienti non vaccinati (il 26% da vaccinati), facendo registrare, su 100.000 pazienti, un’incidenza pari a 4,22 contro lo 0,54 dei ricoverati vaccinati. In area medica resta pure invariato il dato con il 62% di non vaccinati e il 38% di vaccinati. Sui casi positivi riscontrati in generale, invece, i no vax rappresentano il 51%, i vaccinati il 49%.



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti