Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Graziella Ciriaci
facebook twitter rss

«Risonanza dopo 15 mesi? Esigenze del paziente risolte in 5 giorni» Il punto di Grinta sul caso sollevato da Silenzi (Cna)

LA PUNTUALIZZAZIONE del commissario Ast Fermo dopo la segnalazione del presidente Cna Pensionati, Luigi Silenzi: «A Fermo non esiste una sanità a due facce: una che effettua inaugurazioni ed una che invece arranca per le carenze di personale e servizi. La sanità fermana è una, con difficoltà che nessuno nasconde, ma che con uno sforzo costante risolve le criticità e porta avanti un percorso di crescita»

Il commissario Ast Fermo, Roberto Grinta

Il caso sollevato dal presidente della Cna Pensionati Fermo Luigi Silenzi, circa i tempi di attesa per la prenotazione di una risonanza magnetica da parte di un artigiano, ha riscosso ampia eco nel Fermano. E le puntualizzazioni del commissario Ast Fermo, Roberto Grinta, non tardano ad arrivare: «Meriterebbe risalto il fatto che il paziente sia stato preso in carico, che la sua esigenza sia stata risolta in 5 giorni».


«Si rileva – la replica del commissario Ast – che, infatti, a trovare particolare risalto sia stato l’elemento dei “15 mesi di attesa per l’esame”, anziché la positiva gestione del caso, con prenotazione effettuata in tempi molto celeri. La disponibilità a 15 mesi di distanza è stata verosimilmente quella individuata negli sportelli di prenotazione ai quali l’utente si è rivolto, ma correttamente la stessa persona è stata invitata a tentare nuovamente nei giorni successivi, fino a cercare supporto da parte dell’Ufficio relazioni con il pubblico di questa Azienda sanitaria».
Nel dettaglio, l’impegnativa, che richiedeva una doppia risonanza magnetica, era stata emessa dal medico di base dell’assistito il 9 novembre, con priorità programmabile, quindi da effettuarsi entro 180 giorni. L’Urp dell’Ast Fermo ha preso in carico l’impegnativa il 4 gennaio. Nell’immediato non si sono trovate date utili, ma ripetendo le ricerche al sistema di prenotazione nei giorni seguenti, l’utente è stato contattato il 9 gennaio e gli è stata fornita una disponibilità prima della fine del mese, in una struttura convenzionata di Fermo. Più della prima risposta, che trovava una disponibilità a 15 mesi di distanza, meriterebbe risalto il fatto che il paziente sia stato preso in carico, che la sua esigenza sia stata risolta in 5 giorni, trovando prenotazione nella stessa area di residenza dell’assistito e in tempi molto più celeri rispetto al termine di 180 giorni previsto dalla sua impegnativa.
A Fermo non esiste una sanità a due facce: una che effettua inaugurazioni ed una che invece arranca per le carenze di personale e servizi. La sanità fermana è una, con difficoltà che nessuno nasconde, ma che con uno sforzo costante, una programmazione seria ed investimenti mirati, progressivamente – conclude il commissario – risolve le criticità e porta avanti un percorso di crescita, grazie all’elevata qualità dei propri operatori sanitari e non. Una sanità che migliora in tutti gli indicatori qualitativi, che ha quadruplicato le ore di specialistica ambulatoriale, che insieme alla Regione Marche sta portando avanti un riequilibrio del gap di risorse umane».

«Per una risonanza magnetica attesa di 15 mesi» L’appello di Silenzi (Cna) per risolvere i problemi della sanità



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti