Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Spazio disponibile
facebook twitter rss

«Senza piano di organizzazione bloccate assunzioni e stabilizzazioni dei precari» J’accuse di Cisl contro Asur e Regione

LA CRITICA del segretario regionale del sindacato: «Sarebbe ora che si aprisse un tavolo presso il Servizio Salute della Regione, ormai non più rinviabile,  sui criteri di assegnazione del personale e budget per superare sperequazioni troppo evidenti»

Giuseppe Donati

«La Cisl fp ritiene ingiustificabili ed indecorosi i ritardi che si stano registrando a livello Asur e Servizio Salute nell’approvare, come stabilito dalle norme della Funzione Pubblica, il Piao (Piano Integrato di Attività ed Organizzazione) di Asur, cioè lo strumento che ha sostituito i piani di fabbisogno di personale. Il risultato e le conseguenze di tutto questo sono molto concrete e pesanti per il personale sanitario e non, del Fermano ormai allo stremo a causa delle numerose assenze non sostituite».

E’ quanto segnala il segretario regionale della stessa Cisl Fp, Giuseppe Donati che coglie, al riguardo, l’occasione per ricordare che «mancano all’appello almeno 80 infermieri, 20 Oss, 7 tecnici di Laboratorio, 3 tecnici di Radiologia, 10 assistenti amministrativi, solo per fare cenno ad alcune figure.
L’Area Vasta 4 in assenza di Piao, pur avendo i propri conti a posto differentemente da altre Aree Vaste, non può conoscere il reale potenziale assunzionale al quale potrebbe fare ricorso, compresi i posti aggiuntivi autorizzati da decreti approvati per fronteggiare la pandemia, perché senza Piao autorizzato dalla Regione tutto questo è solo ipotetico. In pratica, pur essendo arrivati a fine 2022, le autorizzazioni alle assunzioni sono ancora quelle del triennio 2019-21 e questo è assurdo se pensiamo ad un’Azienda di 14.900 dipendenti che deve garantire il diritto alla salute. La direzione generale Asur con determina 452/2022 aveva pubblicato il Piano Triennale di Fabbisogno compreso quello per Av4 ma, essendo non aggiornato adeguatamente, non è stato mai ratificato dalla Regione che ne ha chiesto la riproposizione. Le conseguenze negative sono che nemmeno i lavoratori precari che hanno conseguito i requisiti per la stabilizzazione legge Madia al 19 novembre 2022, potranno essere stabilizzati. Come pure quelli che matureranno i requisiti al 31/ dicembre.
La Cisl Fp segnala l’atteggiamento, tra Asur e Regione, che sta andando avanti da mesi, pagato pesantemente dagli operatori e dipendenti dell’Area Vasta 4 come pure indirettamente, dagli utenti ed i malati fermani, che assistono inermi al depauperamento progressivo dei servizi sanitari, l’allungamento delle liste di attesa ed la preoccupante dequalificazione dell’assistenza nei reparti per carenza di operatori. Questa situazione dovrà immediatamente essere sbloccata anche con il dovuto coraggio politico dell’assessore alla Sanità che dovrebbe assumere delle decisioni “politiche” appunto. Lo stallo del Piao, infatti, sembrerebbe essere dovuto alle richieste spropositate di finanziamento di nuove assunzioni di un’Area Vasta. Il mancato superamento di questo problema sta generando ritardi ormai inaccettabili per tutte le altre realtà. Ancora più assurdo è che proprio tale Area Vasta, conti alla mano, risulterebbe avere il rapporto residenti/operatori nettamente più favorevole di quello di Area Vasta 4. Sarebbe ora che si aprisse un tavolo presso il Servizio Salute della Regione, ormai non più rinviabile,  sui criteri di assegnazione del personale e budget per superare sperequazioni troppo evidenti. La sanità fermana inoltre dovrà fare i conti con gli effetti delle nuove normative nazionali sui congedi parentali che hanno aumentato i diritti riconosciuti ai genitori in particolare ai neo papà come pure l’imminente approvazione di un ulteriore mese di congedo per le mamme retribuito al 80%. Inoltre il nuovo Ccnl Sanità dispone un numero massimo (7 turni) di pronta disponibilità mensili. Tutto questo, che sul piano della tutela della genitorialità e della conciliazione dei tempi di vita/lavoro è sacrosanto, aumenterà il numero di assenze giustificate dal servizio e quindi la necessità di rivedere urgentemente i contingenti di personale assegnato».

«La Cisl Fp quindi segnala pubblicamente il comportamento dell’Asur e della Regione per l’Area Vasta 4 privata dello strumento normativo necessario per procedere non solo a garantire il turn over ma anche nuove assunzioni per fronteggiare le emergenti necessità assistenziali e l’attivazione di nuovi servizi fino ad ora realizzati sulle spalle dei soliti operatori presenti in numero del tutto inadeguato e che anche quest’anno, durante le festività, dovranno rientrare in servizio o rinunciare a riposi e ferie. Non basta – conclude Donati – tagliare nastri. Servono professionisti ed operatori per rendere credibile la politica sanitaria sul territorio fermano».



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti