fbpx
facebook twitter rss

Il premier Conte e il caso Marche:
“Non possono andare per conto proprio,
sbagliato chiudere le scuole”

POLEMICA - Il presidente del Consiglio è intervenuto alla trasmissione de La7 'L'aria che tira': "Si crea una confusione generale nel Paese che non riusciamo più a gestire"
Print Friendly, PDF & Email

di Andrea Braconi

Se il presidente della Regione Ceriscioli non arretra rispetto alla scelta di emettere la famigerata ordinanza (LEGGI QUI), il premier Conte tira dritto secondo quanto concordato ieri in videoconferenza con i governatori regionali, Ceriscioli compreso. “Ci ha sorpreso che nel corso della mattinata tutti avevano concordato sul protocollo che avevamo suggerito – ha dichiarato il presidente del Consiglio alla trasmissione de La7 ‘L’aria che tira’ -. Nel pomeriggio invece le Marche hanno realizzato questo scarto, questa deviazione rispetto a questo protocollo comune. In questo momento questo non fa bene, perché se ognuno va per conto suo si crea una confusione generale nel Paese che non riusciamo più a gestire“.

Per Conte, infatti, disporre la chiusura delle scuole significa creare un problema ai genitori che si ritrovano i figli a casa. “Ha un impatto sul sistema produttivo e altri aspetti a catena. Se non è una misura necessaria e che la comunità scientifica nonostante la massima cautela ritiene una misura sovradimensionata, ha solo effetti negativi più che positivi”.

Coronavirus, Ceriscioli non arretra: “Conte ha impugnato l’ordinanza? Noi andiamo avanti lo stesso”

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X