Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Spazio disponibile
facebook twitter rss

Sanità, replica al vetriolo di Calcinaro a Cesetti: «Ha gestito il Bilancio per cinque anni, faccia autocritica sulle tante lacune» (Ascolta la notizia)

FERMO - Dure le parole del primo cittadino nei confronti del consigliere regionale che lo ha accusato di avallare una riforma che «affosserà il Fermano». «Se abbiamo il minor numero di posti letto per abitante, infermieri per abitante, Oss per abitante, non abbiamo emodinamica, un solo Pronto soccorso perché - la risposta del sindaco al consigliere - hai voluto chiuderne gli altri prima ancora che fosse realizzato il nuovo ospedale, prima di accusare gli altri un pò di sana autocritica mai?»

Il sindaco Paolo Calcinaro

di redazione CF

«Leggo delle recentissime polemiche di Fabrizio Cesetti. Ma la gente mica si è dimenticata che la spesa sanitaria per cinque anni dipendeva da lui». Inizia così, con queste parole, al vetriolo, la replica del sindaco di Fermo, Paolo Calcinaro, al consigliere regionale dem, Fabrizio Cesetti, appunto, che ieri ha aspramente criticato il primo cittadino reo, a suo avviso, di essere compiacente in una riforma, quella lanciata dall’amministrazione regionale, che a dire dell’esponente dem «affonderà la sanità fermana».

Ascolta la notizia:

Ebbene, la replica di Calcinaro non si è fatta attendere. E il sindaco stila una serie di gap per i quali la responsabilità sarebbe da addebitare proprio a Cesetti, assessore al bilancio dell’amministrazione Acquaroli: «Fabrizio, tu che sei stato per cinque anni assessore al Bilancio in Regione – l’affondo di Calcinaro – se abbiamo il minor numero di posti letto per abitante, infermieri per abitante, Oss per abitante, non abbiamo emodinamica (che lo stesso sindaco è tornato a chiedere pubblicamente anche durante la Giornata delle Marche al teatro dell’Aquila), un solo Pronto soccorso perché hai voluto chiuderne gli altri prima ancora che fosse realizzato il nuovo ospedale, prima di accusare gli altri un pò di sana autocritica mai? Perché la gente mica si è dimenticata che la spesa sanitaria per cinque anni dipendeva da te».

«Cesetti, a mio avviso – aggiunge il primo cittadino – dovrebbe essere più prudente su quest’argomento anche perché fa un autogol clamoroso. Purtroppo quello che abbiamo arriva da anni e anni di governo di centrosinistra. E’ ovvio che uno dovrà stare attento e aspettare segnali, ma che addietro, sul personale sanitario, non sono arrivati. Poi per ciò che concerne il nuovo ospedale, che lui abbia trovato i fondi questo mi sembra lampante e gli va riconosciuto. Ma allo stesso tempo ha sbagliato la tempistica perché semmai ora dovevano essere riconvertiti i presidi di territorio, sempre se si vuole andare verso questa idea di sanità che potrebbe anche non essere giusta o condivisa, non che prima si riconvertono, già dal 2017, e poi si lascia il territorio per cinque anni in balìa degli eventi, tanto più con i punti di accesso Pronto soccorso chiusi, e si rende invivibile quello del Murri di Fermo. Sono errori macroscopici che tutti conoscono, almeno non venisse a parlare in questo momento di sanità proprio lui che ha avuto quel ruolo chiave poiché aveva i cordoni della borsa di tutta la nostra regione».

Cesetti (Pd) contro la Giunta regionale e Calcinaro: «La destra affonda la sanità fermana con l’avallo del sindaco del Comune capoluogo»



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti