Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Graziella Ciriaci
facebook twitter rss

E’ Andrea Silvestrone una delle vittime della tragedia in A 14: morti anche due figli di 14 e 8 anni

GROTTAMMARE - Il tennista paraplegico di Montesilvano ha perso la vita insieme a due dei suoi tre figli, poche ore fa nella galleria Castello

 

E’ Andrea Silvestrone, 50 anni, di Montesilvano una delle vittime della tragedia che si è consumata stamattina, 4 febbraio, nella galleria Castello di Grottammare, sull’autostrada A 14.

 

L’uomo viaggiava insieme ai suoi tre figli. In due non ce l’hanno fatta: la ragazzina di 14 anni compiuti da pochi giorni ed il fratellino di 8. L’altro piccolo, di 12 anni, è stato trasportato in gravissime condizioni all’ospedale Torrette di Ancona, a bordo dell’eliambulanza.

 

Andrea Silvestrone, costretto sulla sedia a rotelle a causa della sclerosi multipla, era diventato un campione di tennis, ma anche un testimonial dell’inclusività, della determinazione a non arrendersi a quello che la vita può riservarti.

 

Era stato testimonial, in Abruzzo, di un evento legato alla malattia: «La vita è bellissima – aveva detto in un’intervista dell’emittente locale “Vasto Web” – e vale sempre la pena di essere vissuta, vissuta in pieno, in maniera larga piuttosto che lunga». 

 

Belle parole, nella stessa occasione, nei confronti della famiglia che lo sosteneva e gli stava accanto, la moglie e i suoi figli: Nicole, Diego e Brando.

 

Per quanto riguarda il tratto autostradale dove Silvestrone ha perso la vita, oggi, impossibile non ricordare che solo poche settimane fa è toccata la stessa sorte – e sempre nella maledetta galleria Castello – al 45enne Samuele Cotichini, 45 anni, originario di Porto San Giorgio ma da qualche tempo residente ad Ascoli, nella frazione Rosara.

m.n.g.

 

Strage sull’autostrada A14: morti due bimbi e un adulto, gravissimo un altro ragazzino trasportato a Torrette

Schianto fatale nella notte in autostrada: muore il 45enne Samuele Cotichini



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti