Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Spazio disponibile
facebook twitter rss

Tragedia in A14, Acquaroli: «Situazione insostenibile, rimodulare i cantieri». Calcinaro: «Terza corsia subito»

STRAGE – L’atleta paralimpico e avvocato era molto noto, soprattutto per il suo impegno nel sociale e nell’inclusione attraverso lo sport. Tra i tanti a stringersi al dolore della famiglia, il governatore Acquaroli, il sindaco di Fermo, Calcinaro, il presidente Cip Marche ed il sindaco di Montesilvano, dove risiedeva il 50enne. A breve un’interrogazione parlamentare di Curti e Manzi sulla situazione dell’autostrada marchigiana

La vittima, Andrea Silvestrone, deceduto insieme a due dei suoi tre figli

 

Sconcerto, incredulità e profondo dolore invadono il web per la morte dell’atleta paraplegico Andrea Silvestrone e di due dei suoi figli, una ragazza di 14 anni appena compiuti ed un bimbo di 8, rimasti vittima di un tragico incidente avvenuto stamattina, 4 febbraio, nella galleria Castello di Grottammare dell’autostrada A 14.

 

Ma la strage di oggi, perché di questo si è trattato, ha nuovamente  acceso il dibattito sui disagi ed i pericoli che riserva il tratto autostradale piceno, martoriato dai cantieri e teatro di incidenti quasi quotidiani, tra cui due mortali nel giro di poche settimane.

 

In lutto l’intero mondo paralimpico, di cui Silvestrone – che era anche avvocato – era fiero e coraggioso testimone come pluricampione di tennis in carrozzina.

Ecco le parole del presidente del Comitato Paralimpico delle Marche Luca Savoiardi: «Il Comitato Paralimpico delle Marche ha appreso con sgomento la tragica notizia della prematura scomparsa dell’atleta paralimpico Andrea Silvestrone, affetto da sclerosi multipla, abile tennista e encomiabile esempio per l’inclusione.

A nome del Cip Marche – continua Savoiardi – mi sento di fare le più sentite condoglianze alla famiglia Silvestrone per la perdita di un grande atleta, un uomo davvero straordinario che ha saputo essere d’esempio per tantissime persone, e di due dei suoi tre figli,  una notizia che nessuno di noi avrebbe mai voluto apprendere.

Tutto il Comitato Paralimpico marchigiano si stringe attorno alla moglie e al terzo figlio». 

Quest’ultimo si chiama Diego (12 anni) ed è stato soccorso e trasportato in ospedale con eliambulanza a Torrette di Ancona con diversi traumi.

 

Anche Autostrade per l’Italia, «a nome della Società e di tutti i colleghi che quotidianamente operano sulla rete, in relazione al tragico incidente avvenuto questa mattina nel tratto tra Pedaso e San Benedetto della A14, esprime profondo cordoglio ai familiari delle vittime e vicinanza alla comunità».

 

Francesco Acquaroli

«Questa situazione è diventata per noi insostenibile e inaccettabile, sotto tutti i punti di vista possibili, prima di tutto la perdita di vite umane per le quali esprimo profondo dolore e cordoglio», ha commentato invece Francesco Acquaroli, presidente della Regione Marche.

«Di fronte dell’ennesimo tragico indicente mortale sull’A14 nei tratti marchigiano e abruzzese – ha detto ancora Acquaroli – mi sono sentito con il presidente Marco Marsilio (della Regione Abruzzo, ndr) con il quale abbiamo convenuto di richiedere un ulteriore incontro urgente con Autostrade per l’Italia, al fine di provvedere a garantire la massima sicurezza possibile anche rimodulando i cantieri».

Il sindaco Paolo Calcinaro

«Lo avevo già scritto un mese fa in occasione di un’altra tragedia: la A14 è diventata una trappola mortale. Ancora una volta oggi, con una famiglia distrutta, lo ripeto…sblocchiamo questa terza corsia…e così non saranno più necessari questi dannati lavori. Chi può lo faccia! Ma presto!»

«Non avrei mai voluto ricevere questa notizia così terribile – sono state le parole di Ottavio De Martinis, sindaco di Montesilvano, dove Silvestrone abitava con la famiglia – la tragedia che oggi ha colpito la nostra città e quanti conoscevano Andrea Silvestrone e la sua famiglia ci getta nello sconforto totale.
Non riesco ancora a credere amico mio che te ne sei andato via in questo modo, tu che sei sempre stato per tutti un esempio di grande forza e determinazione e che amavi la vita con tutto te stesso.

Non ci sono parole per descrivere il dolore e la profonda tristezza che mi attanagliano in queste ore. Mi stringo a Barbara e alla famiglia e prego per Diego, che in questo momento sta lottando in ospedale».

 

«Il caso finirà in parlamento con un’interrogazione dei deputati Curti e Manzi», ha detto Michela Bellomaria, candidata alla segreteria regionale del Partito Democratico, aggiungendo: «Non è più ammissibile l’indifferenza delle istituzioni circa la grave situazione del tratto sud dell’A14, troppe vite sono state lasciate su quell’asfalto e troppi pericoli vivono i viaggiatori che ogni giorno si mettono in strada.

Conosco bene quel tratto di strada che frequento da oltre 30 anni, ma quanto sta avvenendo negli ultimi 2 anni non è più tollerabile, come non lo è incapacità delle Istituzioni regionali e nazionali di porre rimedio ad un tratto dove si vedono troppi cantieri e pochi lavori. A tal riguardo mi sono già raccordata con i parlamentari della Repubblica Augusto Curti e Irene Manzi che nelle prossime ore presenteranno un’interrogazione urgente al Governo».  

m.n.g.

Strage sull’autostrada A14: morti due bimbi e un adulto, gravissimo un altro ragazzino trasportato a Torrette

 

 



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti