facebook twitter rss

«Questo non è un incidente di percorso», manifestazione studentesca in piazza contro la scuola-lavoro nel ricordo del 16enne Giuseppe Lenoci

FERMO - La manifestazione studentesca si è svolta nel rispetto di tutti, senza alcun disordine, con tanti giovani a protestare in maniera assolutamente composta. Ai microfoni si sono susseguiti diversi organizzatori ed anche una delegazione di lavoratori della Caterpillar. In piazza, ovviamente, anche le forze dell'ordine con, in testa il questore Rosa Romano
Print Friendly, PDF & Email

di Alessandro Luzi (foto Simone Corazza)

«Questo non è un incidente di percorso, non chiamatelo incidente». Questo il grido che si è sollevato questa mattina da piazza del Popolo dove si è svolta dalle 9 una manifestazione studentesca per protestare contro le forme di scuola lavoro. Una protesta ancor più toccante nel ricordo di Giuseppe Lenoci, il 16enne di Monte Urano che il 14 febbraio scorso ha perso la vita in un incidente stradale a Serra de’ Conti mentre stava svolgendo uno stage.

«Oggi data di mobilitazione nazionale – fanno sapere gli studenti del Collettivo Depangher -. Nelle Marche i tragici fatti ci hanno portato a Fermo. In meno di un mese è il secondo studente morto durante lo stage, stesso sistema del modello di alternanza scuola-lavoro. Entrambi mirano a sfruttare lo studente. La morte di Lenoci non è un incidente. C’è un problema strutturale, il ministro Bianchi lo sa ma si volta dall’altra parte. È assurdo che parli di sicurezza sul lavoro in un momento in cui la scuola vive un momento davvero catastrofico. La gestione pandemica è stata il massimo del fallimento dell’educazione scolastica e non possiamo accettarlo. Il governo è il responsabile di questo modello di istruzione, noi non ci arrendiamo e andiamo avanti nella contestazione. Torneremo a Roma per confrontarci con le studentesse e gli studenti di tutta Italia e ostacoleremo fortemente queste nuove riforme». Sul Pcto sono chiari: «Non chiediamo un mutamento dell’attuale modello di alternanza scuola-lavoro ma una totale abolizione. Il Pcto non serve a nulla. La formazione non può essere affidata agli esterni in quanto mirano soltanto allo sfruttamento degli studenti. Ovviamente la colpa non è dei tutor ma dell’intero sistema formativo».

Una manifestazione studentesca che si è svolta nel rispetto di tutti, senza alcun disordine, con tanti giovani a manifestare in maniera assolutamente composta. Ai microfoni si sono susseguiti diversi organizzatori ed anche una delegazione di lavoratori della Caterpillar. In piazza, ovviamente, anche le forze dell’ordine con, in testa il questore Rosa Romano. Presente anche la famiglia di Giuseppe. L’intento degli studenti scesi in piazza è evidente: «Dobbiamo unirci tutti per stimolare il cambiamento. La tragedia consumatasi lunedì trova radici in due problematiche del nostro stato: la scarsa sicurezza sul lavoro e la formazione di lavoratori e non di studenti da parte dle sistema scolastico. Questa educazione spinge alla superficialità e ad accettare condizioni di lavoro miserabili. La scuola ha perso la capacità di costruire la mente critica e di affrontare il mondo del lavoro». Non manca un attacco al Partito Democratico in quanto aveva preso le distanze da questa manifestazione: «Ieri sui giornali il Pd accusava questa piazza di populismo, loro sono i responsabili di questo decadimento. Oggi non ci hanno affiancato perché hanno paura della nostra rabbia. Noi non siamo un corpo amorfo ma vogliamo essere al centro dell’istruzione».

«Alternanza, repressione, maturità. No alla scuola dei padroni» si leggeva in uno dei diversi striscioni appesi sul muro delle logge. Una mattinata, dunque, quella fermana, segnata, si diceva, dalla protesta dei giovani, degli studenti, ma non solo, contro le forme di scuola lavoro, da rivedere, da abolire, per molti dei presenti questa mattina nel cuore di Fermo. Con loro, oltre ad alcuni lavoratori della Cartepillar, anche diverse sigle sindacali, come la Fiom e l’Usb.

«La manifestazione di oggi a Fermo, alla quale Usb ha aderito – il punto proprio dell’Usb – è stata molto importante e partecipata da tantissimi ragazzi, ai quali va tutto il nostro rispetto per il loro impegno e la loro determinazione. I rischi a cui sono sottoposti i ragazzi che svolgono stage o alternanza scuola-lavoro, sono gli stessi che corrono tutti i giorni, i lavoratori. L’incidente accaduto a Giuseppe sarebbe potuto accadere ad ognuno dei nostri figli. È stato un incidente stradale ma Giuseppe era a bordo di un furgone distante dalla ditta per cui stava a tutti gli effetti lavorando, quindi è in tutto è per tutto un incidente sul lavoro. Il tema della sicurezza dovrebbe riguardare tutti senza nessuna distinzione, né politica, né sindacale. Però purtroppo come spesso accade, alcuni si sono defilati. Non si può morire di lavoro, questo, Usb è da tempo che lo chiede in tutte le sedi. Noi saremo sempre dalla parte dei lavoratori, degli studenti che vogliono cambiare l’ attuale sistema scolastico».

 

(notizia in aggiornamento)

Il questore Rosa Romano

Il vicario della Questura, Ignazio Messina



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti