facebook twitter rss

Fermana subito ko, il
Mantova passa di rigore

SERIE C - Gara equilibrata e giocata a buon ritmo fino alla metà della ripresa, quando arriva un penalty per i lombardi e l'espulsione di capitan Comotto. Ridotta in dieci la Fermana non riesce a recuperare e matura la prima sconfitta in campionato, interna. Domenica prossima canarini di scena a Bolzano
Print Friendly, PDF & Email

Trasformazione del penalty: 0-1 per il Mantova

 

di Paolo Bartolomei

FERMO – C’era curiosità per vedere all’opera una Fermana ampiamente rinnovata.

La prima impressione non è stata negativa, nonostante i sette mesi di stop si è vista una squadra ben impostata in campo, che ha giocato a buon ritmo e con discreto agonismo. Antonioli opta per una difesa a tre, centrocampo a quattro con Iotti nell’insolita posizione di treqartista dietro le due punte, come da disegno. Il Mantova, pur provenendo dalla serie D gioca alla pari, anzi nel primo tempo per brevi tratti di gara ha la meglio, collezionando una palla gol.

Nel secondo tempo, con l’entrata di Boateng e Demirovic il ritmo dei gialloblù aumenta e i canarini prendono in mano il pallino del gioco, andando vicini alla segnatura, eppure proprio nel momento migliore dei padroni di casa arriva l’episodio che sposta l’equilibrio, con un rigore netto trasformato dai lombardi: 0-1 con espulsione di capitan Comotto. La Fermana in dieci fa fatica a riprendere il controllo del gioco, le sostituzioni non portano alcun cambiamento, mentre i biancorossi conducono la vittoria fino al termine senza grossi problemi.

Comincia così il quarto campionato di serie C consecutivo per la Fermana e 25° della propria storia al terzo livello calcistico (considerando anche la doppia stagione di entrambe le squadre fermane, “La Fermo” e “Fermo Football club” prima della fusione negli anni ’20, altrimenti sarebbero 24).

Domenica prossima, 4 ottobre, Fermana in trasferta a Bolzano contro il Sudtirol.

Il fallo di Comotto che ha portato al rigore e alla sua espulsione

IL TABELLINO

FERMANA 0 (3-4-1-2): Ginestra; Esposito, Comotto, Scrosta; Clemente, Bigica (1′ st Demirovic), Urbinati (37′ st Isacco), Mordini; Iotti (44′ st Raffini); Nepi (30′ st Liguori), Cognigni (1′ st Boateng). A disposizione: Tantalocchi, Manetta, Staiano, Cremona, Sperotto, Rossoni, Palmieri. All. Mauro Antonioli

MANTOVA 1 (3-4-3): Tozzo; Bianchi, Milillo, Panizzi; Mazza (28′ st Militari), Zibert, Gerbaudo, Silvestro; Cheddira, Guccione, Rosso (48′ st Moreo). A disposizione: Cosu, Ghecchele, Zanandrea, Zappa, Palmiero, Tosi, Saveljevs, Esposito, Nappi. All. Emanuele Troise

ARBITRO: Acanfora di Castellammare di Stabia; assistenti Fraggetta di Catania e Taricone di Perugia

RETE: 27′ st Guccione (rig.)

NOTE: Giornata piovosa, temperatura autunnale, campo in buone condizioni; gara giocata a porte chiuse. Espulso Comotto (diretta). Ammoniti Scrosta, Urbinati, Mordini, Bianchi. Angoli 5-7. Recupero 1+5. Prima dell’inizio osservato un minuto di raccoglimento e Fermana con il lutto al braccio per ricordare la scomparsa di Mariano Pavoni, calciatore con il più alto numero di presenze nella storia della Fermana (1957-1971) e poi allenatore per diversi campionati, sia in prima squadra che nelle giovanili.

LA CRONACA

6′ Iotti si libera bene, concusione da posizione defilata e centrale. 12′ Cheddira, libero a centro area, a porta vuota, di testa grazia la Fermana. 26′ Nepi pericoloso in area dove prova la girata; la prima frazione si conclude con conclusione di Iotti e Clemente su cross di Cognigni.

Secondo tempo. 4′ bella concusione di Iotti, blocca Tozzo. Fermana molto pericolosa al 21′ da punizione di Mordini. Al 25′ l’episodio che cambia l’equilibrio della gara: Cheddira con uno scatto dei suoi sfugge a Comotto che, appena entrati in area, è costretto a fermarlo con le cattive. Rigore netto ed espulsione del capitano della Fermana che va sotto al 27′ con la trasformazione del penalty: Guccione spiazza Ginestra con un tiro forte e preciso, alto nel sette alla destra del portiere: 0-1.

Dopo il rigore e in dieci la Fermana fa molta fatica a proseguire e, salvo una bella iniziativa di Demirovic e poco altro, quasi sparisce dal campo.

La commemorazione di Bruno Recchioni, con il team manager Walter Matacotta e capitan Marco Comotto

 

LE DICHIARAZIONI

di Paolo Gaudenzi

“Sono deluso per il risultato. L’episodio, come sappiamo, in questa categoria determina spesso l’esito della contesa, proprio per come è stato – il commento in sala stampa di mister Mauro Antonioli -. Se non la butti dentro è inutile giocar bene e produrre occasioni. Il primo tempo è stato molto equilibrato, senza particolari rischi corsi da ambo le parti. Nella ripresa, a mio avviso, stavamo andando meglio noi, li avevamo chiusi nella loro metà campo ma nel momento migliore abbiamo subito rigore ed espulsione“.

“E’ un peccato aver aver iniziato il campionato con una sconfitta – ha proseguito il tecnico -, ci serva da monito per avere bene e chiara la mentalità da utilizzare durante il torneo. A volte si soffre ma basta far girare a favore un episodio per avere la meglio, come per gli avversari odierni. Di contro non basta metter sotto i dirimpettai per portare a casa le partite. I due cambi di inizio ripresa? Ci stavano dando una mano, senza etichettare però come negativa la prestazione di chi è uscito. L’aver però potenziato la costruzione in mediana ed il brio in attacco era stata una mossa che ci stava dando ragione, peccato per come sia finita la sfida”.

“Una grande beffa, che non ci fa di certo felici – il commento del centrocampista Gianluca Urbinati -. Non mette in mostra neanche i giusti meriti di quello che stavamo facendo in campo fino all’episodio che ha determinato la sconfitta. E’ solo la prima partita, bisogna guardare subito avanti. Il primo tempo sono venuti a galla i sette mesi di inattività, senza cioè grosse occasioni viste da una parte e dall’altra. Nel secondo tempo avevamo però preso noi il pallino del gioco in mano fino, purtroppo, all’arrivo della doccia gelata”.

Il ricordo di Mariano Pavoni

 

ARTICOLI CORRELATI

Con Fermana-Mantova la serie C torna a giocare

Addio a Mariano Pavoni, il nonno di tutti i giocatori della Fermana

La Fermana cambia outfit e ufficializza la partnership con Banco Marchigiano

Sciopero revocato, Serie C regolarmente al via

Fermana, in porta il giovane Nunzio Zizzania

Nell’attacco della Fermana anche il giovane Palmieri

Fermana di rimonta, vittoria nel test di Teramo

Ufficializzato il primo scampolo di campionato della Fermana

Alla Fermana il centrocampista Demirovic

Triennale per Rossoni, di ritorno alla Fermana

Fermana tra il test contro il Pineto ed il varo del calendario

Doppio colpo Fermana: Boateng e Bigica

Nel girone B la Fermana e le altre quattro marchigiane

Fermana, c’è il gradito ritorno di Liguori

Per la Fermana la sgambata di Norcia contro il Perugia

Fermana, biennale per l’attaccante Simone Raffini

Il giovane Balba per la difesa della Fermana

Perugia-Fermana, un altro test per i canarini

Tamponi ok, la Fermana torna ad allenarsi in gruppo

Fermana, dal Bari arriva il giovane centrocampista Staiano

Maistrello compensa l’autogol di Scrosta: finisce 1 a 1 l’amichevole tra Fermana e Salernitana

Alla vigilia della prima uscita stagionale in casa Fermana l’analisi di mister Antonioli

Capitan Comotto e l’avvio di stagione in casa Fermana

Stadio Recchioni: “I disabili non vedono la partita”

Primi giorni di lavoro alla Fermana, il commento di mister Antonioli

Iscrizione ok, per la Fermana semaforo verde verso il campionato

Fermana, con i tamponi ed i test sierologici è iniziata la stagione 2020/21

Fermana F.C., Mauro Antionioli confermato in panchina

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X