fbpx
facebook twitter rss

Sospensione, Calcinaro prudente: “Prima di indicare cosa fare vogliamo capire se la Regione Marche intende emettere una nuova ordinanza”

Tra gli aspetti al centro del dibattito attuale infatti, e oggetto anche di contestazione, il fatto che al momento della firma del decreto  Ceriscioli  e dell'emissione dell'ordinanza non sussistevano casi accertati di contagio. Ora lo scenario è diverso con tre casi nel Pesarese
Print Friendly, PDF & Email

 

di Paolo Paoletti

“Prima di indicare cosa fare nella giornata di domani vogliamo capire se la Regione Marche intende riemettere una nuova ordinanza (con diversa motivazione) per riproporre gli stessi effetti: attendiamo un po’ onde evitare di ricadere nei recenti ping pong poco edificanti”. E’ il commento a caldo del sindaco di Fermo Paolo Calcinaro non appena ricevuta la notizia della sospensione, da parte del Tar, dell’Ordinanza Ceriscioli.

Tra gli aspetti al centro del dibattito attuale infatti, e oggetto anche di contestazione, il fatto che al momento della firma del decreto  Ceriscioli  e dell’emissione dell’ordinanza non sussistevano casi accertati di contagio. Ora lo scenario è diverso con tre casi nel Pesarese. Da qui la possibilità che Ceriscioli firmi una nuova ordinanza identica a quella sospesa dal Tar che questa volta, sarebbe potenzialmente inattaccabile.

Coronavirus, ORDINANZA SOSPESA: il Tar accoglie la richiesta del governo

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X