facebook twitter rss

La Rinascita per Alessandrini: «Frazioni troppo dimenticate, rimettiamole al centro»

SANT'ELPIDIO A MARE - Promotori della lista Bruno Lattanzi, Luigi Li Causi e Massimiliano Gabrielli: "Possiamo farcela al primo turno, la politica deve tornare tra le persone"
Print Friendly, PDF & Email

La Rinascita per Sant’Elpidio a Mare è una delle novità della prossima competizione elettorale a Sant’Elpidio a Mare. La lista sostiene Fabiano Alessandrini e conta alcuni esponenti che nelle passate elezioni figuravano nei Democratici e popolari. I primi promotori sono Bruno Lattanzi, già consigliere comunale, Luigi Li Causi e Massimiliano Gabrielli. La squadra è composta inoltre da Silvano Amaolo, anche lui in passato consigliere nei Democratici e popolari, Gilberto Cingolani, Alberto Lauri, Angela Marinozzi, Michela Matricardi, Sebastiano Mecozzi, Stefania Montevidoni, Loretana Moreschini, Caliopia, Ramniceanu, Antonietta Rotaro, Daniele Sgariglia, Simera Skenderi, Luigi Torretti.

Luigi Li Causi parla di «un progetto inclusivo di tutte le fasce di età e le categorie lavorative, con un’attenzione particolare a cercare nuovi stimoli e soluzioni per i nostri giovani. Parliamo di rinascita, che deve partire da un programma chiaro e condiviso, dalla priorità alle infrastrutture, da un candidato con capacità manageriali ed autorevolezza come Alessandrini. Daremo impulso alla riqualificazione e valorizzazione di alcuni spazi, come l’ex Consorzio agrario e l’area dell’Osservatorio astronomico, ma anche l’area Mandozzi, da riportare alla luce come polo sportivo. E’ finito il tempo delle false promesse, c’è un gran bisogno di riscatto. Chiediamo la fiducia dei cittadini e la possibilità di dimostrare sul campo il nostro impegno»

Secondo Bruno Lattanzi «da professionista vivo e ascolto le difficoltà della cittadinanza, credo che vada superato lo stallo. Io ho fatto parte dei Democratici e popolari, 10 anni fa credemmo in un progetto di rinnovamento con il sindaco Terrenzi, non è andata come ci aspettavamo. Oggi mi rimetto in campo, scegliendo una figura di caratura amministrativa come Alessandrini. E’ ora di tornare a fare incontri tra la gente e condividere le scelte con i cittadini. Da parte nostra garantiamo l’impegno a sottolineare l’importanza delle frazioni, spesso dimenticate. Sono convinto che si possa vincere al primo turno».

Anche Massimiliano Gabrielli viene dai Democratici e popolari: «Il fatto strano non è il nostro percorso, ma quello di chi cammin facendo ha prima preso un percorso amministrativo, poi, ad un tratto, per usare un’espressione popolare, ha deciso di  “buttarla a coppe”. Personalmente vorrei dare il mio contributo in particolare per le frazioni. Abito a Luce, un’area della città che merita la valorizzazione degli spazi pubblici, perchè troppo spesso è stata lasciata indietro». Stesso impegno da parte di Angela Marinozzi, che vive a Bivio Cascinare: «Mi faccio portavoce di un piccolo centro che richiede più attenzioni alla pubblica amministrazione».

«Se oggi arriviamo qui – la conclusione del candidato sindaco Alessandrini – non c’è nulla di casuale, c’è un impegno costante a tenere aperto un dialogo. Questa lista pone particolare attenzione alle esigenze delle frazioni, che hanno bisogno di tanti servizi e proprio in questo senso uno dei punti qualificanti del nostro programma è il progetto Città in 15 minuti, un lavoro di ricucitura tra capoluogo e frazioni che vogliamo mettere in campo nei prossimi 5 anni».



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti