facebook twitter rss

Fermo vuole ripartire con gli eventi,
“La città non può restare morta,
punteremo sugli artisti locali”

FERMO - Il punto su cultura, eventi, commercio e tributi con gli assessori Trasatti, Torresi e Febi: "Il pagamento Tari slitterà dopo l'estate e si verserà in due rate, acconto a settembre e saldo a novembre"
Print Friendly, PDF & Email

di Pierpaolo Pierleoni

Spettacoli, musei, commercio, tributi. Tante incognite ancora da risolvere in attesa di linee guida da parte di Governo e Regione, ma anche una gran voglia di ripartire. Un tris di assessori, il vicesindaco Francesco Trasatti, Mauro Torresi e Savino Febi hanno delineato stamattina il lavoro svolto sino ad oggi e le prospettive per la prossima stagione estiva.

LAVORI

A partire è Trasatti: “Durante questo periodo in cui l’attività culturale in fatto di eventi si è dovuta fermare, abbiamo portato avanti la programmazione di alcuni lavori insieme all’ufficio tecnico. Abbiamo effettuato il distacco delle utenze alla Rollina del teatro dell’Aquila, ora diventata una sala autonoma dal resto della struttura, si è climatizzata parte della biblioteca e posizionato un cancello in ferro nel retro per evitare appostamenti. Si è proceduto ad ampliare i musei scientifici a palazzo Paccaroni, per potenziare l’Istituto polare e dare una sede ad altri musei. Abbiamo realizzato la nuova cartellonistica turistica, è pronto il progetto per Torre di Palme e in via di chiusura quello del centro storico. Il terzo stralcio di Fontevecchia vedrà la luce dopo l’approvazione del bilancio in Consiglio comunale, in giunta abbiamo approvato anche il secondo stralcio del museo di Torre di Palme”.

MUSEI

“Contiamo di riaprire i musei il 1 giugno – continua il vicesindaco di Fermo – Abbiamo interpellato Sistema Museo che ha la concessione e chiesto un piano di riapertura. Si dovranno modificare molti aspetti, ad esempio alle Cisterne romane non si potrnno più portare gruppi di 30-40 persone, serviranno accessi scaglionati, andrà facilitata la biglietteria online. Per la seconda metà dell’anno pensiamo di confermare le iniziative espositive previste, dedicate ai fotografi Crocenzi e Guidi. Visto che avremo un afflusso esclusivamente nazionale per quest’anno, focalizzarsi su artisti del nostro territorio può essere ancor più utile”.

SPETTACOLI E MANIFESTAZIONI

Sulla programmazione degli eventi, l’assessore alla cultura non ha dubbi:”Attendiamo le indicazioni e le linee guida da attuare, ma intanto ci stiamo muovendo perchè un minimo di animazione va fatta, la città non può restare morta, ovviamente nel rispetto delle regole. Che sia il cinema con drive in, per il quale siamo sommersi di proposte, piuttosto che una serata a Villa Vitali con 400 spettatori anziché 1400, qualcosa va fatto, anche perchè parliamo di categorie economiche che meritano sostegno. Sicuramente per quest’estate andremo a privilegiare gli artisti del territorio. Stiamo selezionando spettacoli semplici, con una o due persone sul palco. Potremmo riproporre anche Fermo sui libri a luglio o agosto. Per quanto riguarda il pubblico, mi risulta la Regione abbia definito il fondo per la messa a norma degli spazi. Vi attingeremo per il Teatro dell’Aquila come per l’arena Villa Vitali, dovremo omologare al Covid gli spazi e far confluire lì ciò che si potrà fare. Di certo non possiamo immaginare una programmazione diffusa come nelle estati passate, ma individuare due o tre spazi dove far confluire le iniziative, ad esempio Piazza del Popolo, Villa Vitali e qualche location sulla costa”.

L’assessore al commercio Mauro Torresi si mostra fiducioso di poter allestire anche altre iniziative, come lo street food o alcune sagre consolidate. “Se si rispettano i protocolli di sicurezza, ritengo sia possibile allestire queste manifestazioni”.

LE SPIAGGE

Dopo l’approvazione del bilancio di previsione in giunta, è ufficiale la scelta di abolire la tassa di soggiorno per il 2020. Quanto alle spiagge, si attendono indicazioni dalla Regione sulle misure da adottare. Per le concessioni balneari starà agli operatori privati garantire il rispetto delle regole, mentre per quelle libere l’amministrazione sta lavorando “ad un coordinamento, mettendo in campo protezione civile, polizia municipale, associazioni ed esercenti privati per garantire un controllo. Se si potranno allargare le concessioni nelle parti libere confinanti, si potrà valutare un accordo con i gestori degli stabilimenti per collaborare con loro al monitoraggio di questi tratti”.

COMMERCIO

L’assessore Mauro Torresi evidenzia “la dignità e correttezza dei nostri pubblici esercenti, non abbiamo avuto panico nè allarmismi, si stanno comportando in modo ineccepibile. Per quanto riguarda il suolo pubblico, si è posticipato di un anno il regolamento arredo urbano, daremo la possibilità di ampliare il suolo pubblico con uno sconto dell’80%, l’esenzione totale non era possibile. Abbiamo tolto anche la cauzione di 80 euro a metro quadro per il 2020. Quanto al mercato, è sospeso fino al 15 maggio compresi gli alimentari, anche qui mi debbo complimentare con gli ambulanti, che hanno accettato le nostre scelte e dimostrato grande responsabilità”.

TASSE

Tocca all’assessore al bilancio Savino Febi spiegare che “sono stati sospesi fino al 31 maggio tutti gli accertamenti e le riscossioni dei tributi, poi vedremo se posticipare ancora.Per la prima rata Tari la scadenza sarebbe a giugno, ma con ogni probabilità slitterà, anzichè due rate ed il saldo si prevedrà un acconto da versare dopo l’estate ed il saldo a novembre.  Sicuramente il bilancio di quest’anno avrà bisogno di variazioni in corsa per adattarci alle esigenze ed alla programmazione che andrà rimodulata in base ai prossimi sviluppi”.



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti