fbpx
facebook twitter rss

Cultura d’insieme: i
musei delle Marche ripartono
gratuitamente

FERMO - Appuntamento al 30 maggio per la riapertura congiunta delle bellezze storiche ed artistiche in tutti i capoluoghi provinciali. Le bellezze di Macerata, Pesaro, Ancona ed Ascoli Piceno al fianco del Palazzo dei Priori, Sala del Mappamondo, Cisterne Romane, Teatro dell'Aquila ed al Museo Archeologico di Torre di Palme. Visite gratuite per tutto il mese di giugno
Print Friendly, PDF & Email

Il palazzo dei Priori

Ancona, Ascoli, Fermo, Macerata, Pesaro, i cinque capoluoghi di Provincia delle Marche lanciano una delle stagioni più complesse della storia culturale della regione con un gesto comune, dal forte senso simbolico, e non solo: l’apertura dei Musei Civici lo stesso giorno e nello stesso modo.

Dopo il via libera del Governo e le indicazioni della Regione, gli assessori alla cultura dei cinque capoluoghi marchigiani, Donatella Ferretti per Ascoli Piceno, Paolo Marasca per Ancona, Stefania Monteverde per Macerata, Francesco Trasatti per Fermo, Daniele Vimini per Pesaro, hanno individuato nel 30 maggio la data condivisa per la riapertura al pubblico dei Musei Civici, con modalità atte a garantire la massima sicurezza di personale e di visitatori nel rispetto delle indicazioni ministeriali. La decisione è sorta in seno ad alcune riunioni tra gli Assessori, che insieme hanno voluto così significare il forte senso di solidarietà e la voglia di rilancio a partire dalla cultura dei loro territori.

Lo stesso giorno, il 30 maggio, e nello stesso modo, gratis. Almeno per tutto il mese di giugno, le cinque città capoluogo offrono la gratuità dei propri Musei a tutti, con l’obiettivo di favorire la socialità controllata che gli spazi culturali garantiscono, la voglia di stare assieme e di scoprire bellezza e storia, la curiosità e il movimento delle persone. Alcune delle collezioni e dei luoghi più prestigiosi delle Marche si mettono a disposizione di chi riconosce alla cultura il ruolo di leva sociale: tutti potranno vivere esperienze uniche e tornare al senso di fiducia che solo la grande arte e il mondo della cultura sanno infondere.

“In una Regione dall’altissimo tasso culturale, tanto nella domanda quanto nell’offerta” – dichiarano gli Assessori – “abbiamo voluto dare un segnale concreto di solidarietà e di capacità di fare squadra. Collaboriamo spesso gli uni con gli altri, ma questa volta vogliamo rispondere a una drammatica emergenza come un corpo unico, per dare anzitutto un segnale alle cittadine e ai cittadini che cercano fiducia e spirito comune”.

È l’occasione per scoprire o riscoprire il patrimonio delle cinque città attraverso un tour che tocca alcuni siti straordinari, che saranno tutti visitabili previa prenotazione.

A Fermo, dunque, Palazzo dei Priori e Sala del Mappamondo, Cisterne Romane, Teatro dell’Aquila ed il Museo Archeologico di Torre di Palme.

Ad Ancona la Pinacoteca Comunale, Mole Vanvitelliana, Museo Omero ed Palazzo Camerata. Ad Ascoli la Pinacoteca Civica, Museo dell’Alto Medioevo “Forte Malatesta”, Galleria d’Arte Contemporanea “Osvaldo Licini”, Museo dell’Arte Ceramica e Cartiera Papale.

A Macerata, Musei Civici di Palazzo Buonaccorsi, Arena Sferisterio, Area archeologica Helvia Recina
Ecomuseo di Villa Ficana.

A Pesaro, Museo Nazionale Rossini, Musei Civici di Palazzo Mosca, Casa Rossini, Centro Arti Visive Pescheria.

 

Fotogallery 

Le cisterne romane

La sala del Mappamondo

Dal museo di Torre di Palme

Il teatro dell’Aquila

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X