fbpx
facebook twitter rss

Coronavirus, Marcozzi (FI):
“Imbarazzante silenzio del Governo,
Ceriscioli assuma provvedimenti”

VIRUS - La capogruppo regionale FI: "Ceriscioli ha chiamato il ministro della Salute Speranza ma ancora stiamo tutti attendendo cosa il Governo ha deciso, se ha deciso, il da farsi"
Print Friendly, PDF & Email

“Due decessi, 61 casi di tampone positivo, numeri preoccupanti in aumento e il Governo che ancora non solo non chiude le scuole ma addirittura non dà alcuna indicazione per le Marche. Tutto ciò è vergognoso”.

Così, in una nota, la capogruppo regionale FI, Jessica Marcozzi che attacca il governo Conte e chiede la presidente della Regione di assumere dei provvedimenti.

“Da questa mattina, alla notizia del secondo decesso per Coronavirus, tutti noi marchigiani stiamo attendendo una presa di posizione netta, decisa, di tutela sanitaria per contrastare l’espansione e la diffusione del Covid-19 nella nostra Regione. Lo stesso Ceriscioli ha chiamato il ministro della Salute Speranza ma ancora stiamo tutti attendendo cosa il Governo ha deciso, se ha deciso, il da farsi. In questo scenario, in cui il caos regna sovrano e rischia di compromettere una situazione già emergenziale, Ceriscioli faccia seriamente il governatore delle Marche e si assuma le sue responsabilità. Lo faccia almeno in questi ultimi giorni del suo mandato. La situazione del contagio da coronavirus nelle Marche è sempre più grave. Ceriscioli faccia come Toti e Fedriga e assuma i provvedimenti che gli spettano. Lasciare aperti atenei frequentati da studenti che arrivano da ogni luogo, e le scuole, è contrario ad ogni principio di precauzione. Dobbiamo contenere il contagio evitando il collasso del sistema sanitario e mettendo in condizione il personale medico di affrontare al meglio la situazione”.

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X