fbpx
facebook twitter rss

Pulizia e sanificazione, Confartigianato:
“Settore chiave nell’emergenza Covid,
nelle Marche il 79,4% del comparto è artigiano”

AZIENDE - A Fermo l'artigianato della pulizia e sanificazione conta 81 imprese, il 92,0% del totale, con 155 addetti, pari al 65,4% del settore
Print Friendly, PDF & Email

“Pulizia e sanificazione, un settore chiave nell’emergenza Covid-19: nelle Marche il 79,4% del comparto è artigiano. Nel corso dell’emergenza sanitaria, tra le numerose attività imprenditoriali che hanno consentito a cittadini e imprese di affrontare situazioni critiche e di adattarsi ad un contesto in rapido cambiamento, si trovano sicuramente tutte le imprese di pulizia e sanificazione”. E’ quanto tendono a rimarcare da Confartigianato per poi passare subito ai numeri.

“Secondo l’elaborazione dell’Ufficio Studi di Confartigianato, in Italia, secondo paese dell’Ue per occupati nelle micro e piccole imprese dei servizi di pulizia, operano 34.298 imprese e 436.944 addetti, di cui 403.570 sono dipendenti e rappresentano il 92,4% degli addetti. Le micro e piccole imprese con meno di 50 addetti (Mpi) delle attività di pulizia e disinfestazione sono la quasi totalità delle imprese del comparto (96,5%) per un totale di 33.106 imprese e concentrano un terzo (32,6%) degli addetti, pari a 142.246 unità.
Nell’artigianato si contano 21.627 imprese e 70.861 addetti, di cui 45.629 sono dipendenti e rappresentano il 64,4% degli addetti dell’artigianato del comparto. Tra le imprese del settore è marcata la vocazione artigiana: nell’artigianato si concentra, infatti, il 63,1% delle imprese, quota ampiamente superiore al 23,7% registrato per il totale dell’economia, mentre per quanto riguarda gli addetti e i dipendenti l’incidenza dell’artigianato è in linea con quella media. Il fatturato riferito alle imprese artigiane è di 2.482 milioni di euro, pari al 17,9% del totale del comparto, ed un valore aggiunto di 1.370 milioni di euro, pari al 16,5% del totale del comparto.
Per quanto riguarda le Marche, le imprese artigiane che si occupano di attività di pulizia e disinfestazione sono 644, il 79,4% del totale comparto. Tale quota è superiore alla media nazionale, pari al 64,5%.
Gli addetti artigiani del settore nella nostra regione sono 2.075, il 28,1% del totale addetti del comparto, quota che colloca la nostra regione al 3° posto tra quelle che hanno oltre 1.000 addetti artigiani del settore in questione (media nazionale 16,2%).
Considerando le province, ad Ancona le imprese artigiane che svolgono attività di pulizia e disinfestazione sono 180, il 73,8% del comparto, con 725 addetti, il 28,7% del settore, a Pesaro e Urbino sono 131 le imprese artigiane della pulizia e disinfestazione, l’82,9% del totale settore, con 409 addetti, il 13,7% del comparto.
Nella provincia d Ascoli Piceno sono invece 106 le imprese artigiane della pulizia e disinfestazione, il 73,1% del settore, con 337, il 38,0% del comparto. A Fermo l’artigianato della pulizia e sanificazione conta 81 imprese, il 92,0% del totale, con 155 addetti, pari al 65,4% del settore, mentre a Macerata le imprese artigiane sono 146, l’83,0% del settore, con 450 addetti, il 60,2% dell’intero comparto.
Come sappiamo, le condizioni di sicurezza di ripresa delle attività economiche sono garantite da servizi di pulizia, a cui si aggiungono attività di decontaminazione e disinfezione, ed è per questo che quello della pulizia e sanificazione è considerato uno dei settori chiave per la cosiddetta fase 2″.

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X