fbpx
facebook twitter rss

Allevi suona l’inno per le sue Marche:
«Scienza e conoscenza ci salveranno»
(Video)

EMERGENZA CORONAVIRUS - Il compositore e pianista ascolano non dimentica la terra d'origine. L'omaggio al pianoforte e il messaggio di vicinanza in uno dei momenti più bui: «Dobbiamo avere pazienza e soprattutto fiducia»
Print Friendly, PDF & Email
Allevi saluta le sue Marche

 

di Luca Capponi 

Una carezza in musica. Da chi non dimentica della sua terra. Giovanni Allevi suona per le Marche. Nel momento più buio, un invito a guardare al futuro con la levità e la bellezza dell’arte. Il pianista e compositore ascolano si siede ed esegue parte dell’inno composto nel 2007 per la sua regione d’origine. «Saluto con tutto il mio affetto e con tutto il cuore gli amici marchigiani -dice-. Dobbiamo avere pazienza e soprattutto dobbiamo avere fiducia nella scienza e nelle conoscenza, due ancore di salvezza straordinarie che ci tireranno fuori da questo momento di difficoltà». Sensibilità e incanto, componenti fondamentali per non cedere. E qualità che Allevi ha sempre dimostrato di avere.

Allevi al piano per suonare l’Inno delle Marche da lui composto

Anche lui, come molti altri colleghi, ha dovuto rimandare quanto in programma nel breve a causa dell’epidemia di Coronavirus, ovvero una serie di date di piano solo sulla scia del suo ultimo album “Equilibrium“. Proprio nella giornata di sabato ha parlato anche di questo attraverso un messaggio diffuso sulla sua pagina Facebook. «Non ho paura del contagio -scrive Allevi-. Eppure non nascondo che anche io ho avuto un momento buio quando hanno chiuso i teatri ed ho dovuto rimandare i miei concerti da un giorno all’altro. Ho visto il buio sul mio futuro di musicista. Sono sempre stato un sognatore, un intrepido. Ho sempre saltellato sul filo dell’equilibrista senza guardare giù, senza rete. Non ho mai pensato di assicurarmi un “piano B”. D’altro canto, cosa farei io senza la musica?».
«L’unico mio punto di riferimento è stato l’affetto della gente, e lì mi sono dato totalmente, senza riserve -continua-. Ma adesso tutti sono giustamente impauriti, e chi lo sa, magari il mio concerto a Monaco di qualche settimana fa, potrebbe essere stata la mia ultima esibizione pubblica. Immagino quante persone come me, temono per il proprio lavoro e per i propri cari, ed io sono l’ultimo al mondo in diritto di lamentarsi».

Allevi alla vigilia dell’uscita di “Equilibrium”

«D’altra parte, vivo da sempre nell’insicurezza, ci ho fatto le ossa: le certezze sul futuro non le ho mai avute, ed ho imparato ad accettare questa condizione, proprio dalla musica, la più impalpabile ed imprevedibile delle arti -va avanti il Nostro-. Certo, mi piacerebbe affrontare la vita con lo spirito eroico di Beethoven, quando afferma: “Catturerò il destino afferrandolo per il collo. Non mi dominerà”. Troverò un modo, ma una cosa è certa, la paura del virus non può tenerci in ostaggio. Non è vero che stiamo combattendo un nemico invisibile, sappiamo cos’è: noi con infinita pazienza continuiamo la quarantena, intanto scienziati e ricercatori metteranno a punto una soluzione definitiva». «Ma pur nell’incertezza e nel dolore, nell’aria si sente uno spirito nuovo! Una solidarietà commovente ci avvolge -conclude Allevi-. Tutto ciò che è superfluo cade. Si riscoprono gesti semplici, due chiacchiere col vicino di casa sul pianerottolo anche se a distanza; nuovi eroi: medici ed infermieri. Il web è diventato l’occasione per sdrammatizzare la paura, per accorciare le distanze e sentirci più vicini, per condividere preziose conoscenze scientifiche. Ora più che mai è evidente che il bene del singolo passa per il bene della collettività, così come aveva intuito Socrate, ed ho la sensazione che, anche se nel dramma, l’umanità stia dando il meglio di sé».

 

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X